Napoli, agguato in ospedale: erano in quattro. Una telecamera ha ripreso la scena

Napoli. L’uomo che ha sparato nel Pronto soccorso dell’ospedale Pellegrini ha esploso colpi verso la scala dove c’erano almeno quattro persone. E’ quanto emerge dal video della telecamera di sorveglianza visionato dai vertici dell’Asl Napoli 1 e poi consegnato ai carabinieri. Nel video si vede l’uomo armato che corre verso il cortile dell’ospedale e un altro che si alza di scatto e corre verso le scale del pronto soccorso. A quel punto l’uomo armato comincia a sparare noncurante del fatto che su quella stessa scala stavano salendo altre persone oltre al suo obbiettivo in fuga, il 22 enne V.R. un pregiudicato dell’Arenella. “Una scena mai vista, lavoro qui al pronto soccorso da anni e alla violenza sono abituato, con parenti di gente ferita in agguati che sfogano la loro rabbia su di noi e sull’ospedale, ma quello che è successo stanotte le ha superate tutte”. A parlare è Peppe, un infermiere che nei turni di notte del pronto soccorso dell’ospedale Pellegrini di Napoli ha passato la sua vita. “Eravamo tutti intenti a soccorrere il ragazzo ferito, come sempre con l’aiuto di guardie giurate quando si e’ scatenato l’inferno. Si è intravisto un uomo che a volto coperto ha cominciato a sparare verso di noi. Un miracolo che nessuno sia stato colpito. Qui ci sarebbe bisogno di una vigilanza della polizia h24 ma mi rendo conto delle cose che succedono in città che i poliziotti non possono essere dappertutto”. L’infermiere aggiunge: “mi fa piacere che subito, già dalle prime ore di stamattina in ospedale è arrivato il vertice dell’Asl a portare solidarietà a chi era presente”.

Redazione
Contenuti Sponsorizzati