Luigi Canotto ex di turno del Trapani, col dente avvelenato, ha sigliato il gol del 2-0 per la Juve Stabia che in pratica ha chiuso la gara:”Oggi ci tenevo a far bene perché per me a Trapani è stata un’annata particolare, non hanno creduto in me. Il merito della vittoria è di tutto il gruppo. Il pubblico è il dodicesimo uomo per noi, oggi è stato devastante. Ora calma perché non abbiamo ancora vinto il campionato ma porteremo a termine una grandissima annata. Quest’anno ho avuto il primo infortunio serio della mia carriera, l’ho accusato. Il goal è stato annullato per il mio fuorigioco ha detto il guardalinee, ma io venivo da dietro. Oggi è giusto festeggiare perché ci stava girando male da un po’, ma noi siamo una famiglia e ne siamo usciti bene. Ora bisogna vincere contro la Sicula Leonzio. Il mister in settimana ci ha detto che non siamo una squadra che può giocare solo per difendersi. Dedico il goal ad Antonio Filippi, spero che guarisca presto, tutti noi gli siamo vicino”.

Ivano Cotticelli

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati