Fabio Caserta, tecnico della Juve Stabia commenta così la vittoria contro il Trapani: ”Durante la settimana ho sempre pensato che questa squadra non è una squadra che sa aspettare più di tanto, siamo abituati a prendere alti gli avversari, questa è la differenza rispetto a quella dell’anno scorso. Se avessimo lasciato giocare il Trapani, loro ci avrebbero messo in difficoltà, così ho chiesto si miei di pressare alto. La mia squadra ha fatto secondo me una partita eccezionale da tutti i punti di vista. I ragazzi hanno dato ancora una volta la dimostrazione di quanto tengono a portare in alto i colori della Juve Stabia. Non ho mai visto lo stadio così pieno come oggi, neanche quando eravamo in serie B. Capisco le persone che avevano paura di non farcela, a qualcuno invece piace mettere zizzania sui social, noi ci stiamo conquistando tutto sul campo, non permetto a nessuno di infangarci. Noi abbiamo un sogno, ad inizio campionato nessuno immaginava di poter raggiungere questo traguardo, perciò poteva sopraggiungere un po’ di paura. La vittoria di oggi non deve illuderci, si deciderà tutto alla fine. Ora dobbiamo recuperare le energie soprattutto mentali, è stata una settimana molto lunga. Mi piace scegliere la domenica la formazione, con Elia e Melara sulla stessa fascia perché erano intercambiabili, anche Elia può fare il terzino e potevano tenere Nzola. Tutto hanno fatto una partita di grande sacrificio, anche Paponi. Credo che Melara in particolare ha dato un segnale a tutto il gruppo sacrificandosi in un ruolo non suo. Marzorati che ha fatto un errore qualche gara fa, oggi è stato superbo. Non dobbiamo pensare di aver vinto il campionato, dobbiamo affrontare la prossima settimana con l’atteggiamento giusto. Io dico che la squadra deve stare concentrata come ha sempre fatto. Da domani non dobbiamo più pensare alla gara di oggi. Da martedì pensiamo alla Sicula, non sarà una partita facile. Credo che il Trapani sia partito come noi con qualche problema societario, ora sono una squadra forte e che sta dimostrando il proprio valore. I complimenti da parte loro sono un premio per noi. Questa per noi è stata la partita dell’anno, abbiamo dimostrato di non essere primi per caso, dobbiamo continuare così”.

Ivano Cotticelli

Contenuti Sponsorizzati