Camorra, la Cassazione annulla la condanna per estorsione a Luciano Pellegrino

La seconda sezione della Suprema Corte di Cassazione, accogliendo il ricorso dell’avvocato Vittorio Fucci Junior, ha annullato la sentenza di condanna nei confronti di Pellegrino Luciano, di 53 anni, di Montesarchio che era stato condannato dal Tribunale di Benevento a 2 anni e 2 mesi di reclusione per il reato di estorsione aggravata dal metodo camorristico, in concorso con altre persone, ai danni del titolare di un noto locale notturno di Montesarchio. La sentenza di primo grado fu riformata in Appello, con una riduzione della pena a 2 anni di reclusione. La Suprema Corte di Cassazione, invece, ha sentenziato l’annullamento della sentenza di condanna con rinvio ad altra sezione della Corte di Appello di Napoli.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati