“A,B,C,D : così la polizia scientifica ha catalogato i quattro segni nella porta di “Terra mia”, la pizzeria di Mario Granieri. Sono quattro i proiettili, quattro come i giorni dell’anno nuovo che erano trascorsi quando alcuni figli di questa terra mia hanno deciso di interrompere la magia del Natale e riportarci con i piedi per terra”. Comincia così il post sulla pagina facebook Rinascita di Forcella attraverso il quale gli amministratori segnalano l’ennesima sparatoria dei signori del racket contro un esercizio commerciale del quartiere e al contempo lanciano un appello.
“Nelle realtà di una battaglia -si legge-ancora tutta da vincere: c’è la delle Universiadi , del turismo, dei successi cinematografici. E una che è ai margini e non trova altro modo per affermarsi se non a colpi di pistola. Serve tutto l’impegno dello Stato e di noi tutti perché non ci sarà vero sviluppo fino a quando di queste due non ne resterà una. Quella dell’amore. Come quello che arde nel petto di Mario per la sua terra e la sua famiglia: lui la moglie e due figli. Quattro membri, quattro proiettili. Quattro le persone che potrebbero dare un bel segnale mangiando assieme una #pizzadaMario per guardarsi negli occhi e caricarsi sulle spalle questo territorio : il Sindaco, il Questore, il Prefetto, il Presidente della Municipalità. Lancio questo appello: #unapizzadaMario! Quattro euro o poco più per abbattere sto muro che divide i buoni dai cattivi!”. L’appello e la proposta sono stati lanciati ora bisogna attendere per capire se vengono raccolti. Intanto mentre proseguono le indagini da parte degli investigatori l’altro pomeriggio c’è stata una nuova stesa in via Sant’Arcangelo a Baiano. Sul manto stradale, a pochi metri da un muretto,  la scientifica ha repertato ben 12 bossoli di vario calibro: segno che i pistoleri erano più di uno così come le armi da fuoco. La zona dove è avvenuta la stesa é a poca distanza da via Carminiello ai Mannesi, dove sempre la polizia venerdì pomeriggio ha sequestrato una pistola nascosta in una grotta della parte archeologica della strada. Le frizioni tra le varie famiglie malavitose continuano ad essere forti nella zona ma dal quartiere sembra alzarsi di nuova una voce di ribellione contro la camorra.

 



Cronache Tv



Ti potrebbe interessare..