Napoli, quasi 30 anni per gli aggressori di Arturo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Quasi trenta anni di carcere complessivi per i tre ragazzi minorenni del rione sanità  sotto preocesso per la violenta aggressione ad giovane Arturo lo scorso anno in via Foria. Precisamente  27 anni e nove mesi: 9 anni e 3 mesi ciascuno. Tutti accusati di tentato omicidio e rapina. E’ questa la decisione finale del Tribunale per i Minori di napoli. In mattinata il pm Ettore La Ragione aveva chiesto sedici anni per un indagato, dodici anni a testa per gli altri due:gli aggressori di Arturo, il ragazzo di 17 anni che a Napoli, lo scorso 18 dicembre, stava morendo per aver ricevuto da una baby gang tre coltellate, tra le quali una sferrata alla gola. Oltre trenta punti di sutura, corde vocali tagliate, danni al polmoni e alla milza. La pena più alta era stata chiesta per il ragazzino soprannominato “‘o nano”, colui che é sospettato di essere materialmente l’accoltellatore. Una lunghissima discussione arrivata dopo un altro esame dei tre imputati, tutti minorenni, che hanno confessato di aver fatto parte del gruppo inquadrato dalle telecamere di alcuni negozi; nessuno però ha ammesso di aver accoltellato Arturo, scaricando la responsabilità sugli altri. Sono in corso ulteriori indagini su un quarto indagato nipote di di uno dei boss del rione Sanità e che non era tra gli imputati di questo processo.


Torna alla Home


Meret: 6. Incolpevole sul gol, disarmato dal pessimo comportamento della difesa che lascia tutto solo Cerri a due passi dalla porta. Inoperoso e non costretto a parate difficili per quasi tutto il resto della gara. Di Lorenzo: 5. Cerca disperatamente di chiudere su Cerri sulla rete, ma viene sovrastato dall'attaccante...
Napoli sempre più giù. Al Castellani gli azzurri di Calzona cadono per la seconda volta in stagione contro l'Empoli: finisce 1-0 per i padroni di casa. Decisiva una rete di Cerri dopo appena 4' che blocca i partenopei a quota 49 punti in classifica, con l'Europa che conta sempre...
Prosegue lo sciopero della fame di Gianni Fabbris, Adriano Noviello e Sebastiano Lombardo, allevatori di bufale che da quattro giorni protestano davanti al Ministero della Salute a Roma. Oggi, 50 pacchi di mozzarelle di bufala, donate da quattro caseifici artigianali casertani, sono stati inviati a rappresentanti di Governo, Parlamento e...
Joao Cancelo, difensore del Barcellona, ha denunciato una serie di insulti e minacce ricevute dopo l'errore che ha contribuito alla sconfitta contro il PSG e all'eliminazione ai quarti di finale di Champions League. L'episodio si è verificato quando il portoghese ha commesso un fallo da rigore su Dembele, permettendo...

IN PRIMO PIANO