Guerriglia prima di River Plate-Boca Juniors: 4 giocatori intossicati dai lacrimogeni, gara rinviata

SULLO STESSO ARGOMENTO

Guerriglia al Monumental prima della finale di ritorno della Copa Libertadores tra River Plate e Boca Juniors. Poco prima delle 20, mentre gran parte dei tifosi Millonarios era entrata già allo stadio il pullman del Boca è stato preso d’assalto con pietre, accendini e gas urticante che sono penetrati all’interno del mezzo, rischiando di colpire anche il conducente che ha lasciato il volante al vicepresidente del Boca. Altro obiettivo degli scontri la polizia che presidiava i cancelli. Sono volate pietre ed oggetti. La Polizia ha risposto con il lancio dei fumogeni. All’arrivo allo stadio vomito e dolori per alcuni giocatori, tra cui Carlos Tevez e Agustín Almendra, i due indicati alla vigilia per sostituire l’infortunato Cristian Pavón. Quattro Xeneizes sono rimasti feriti: i più gravi sono Pablo Pérez e Gonzalo Lamardo, problemi anche per Leonardo Jara e Nahitan Nández. Carlos Tevez è incontenibile e lancia accuse alla Conmebol: “Non siamo in condizione. Ci stanno obbligando a giocare, credo che stiano facendo pressioni ai medici per far giocare questa partita”, ha detto l’Apache ai media argentini. La partita è stata rinviata a questa sera alle 21, esattamente 24 ore dopo la data prevista, e ci sarà il pubblico, presumibilmente lo stesso che ha riempito lo stadio visto che i Millonarios hanno comunicato che i biglietti restano validi. Il presidente della confederazione sudamericana Alejandro Domínguez ha dichiarato a caldo: “In queste condizioni si snaturalizzava il gioco. Questo è calcio, non una guerra! Voglio congratularmi con i due presidenti delle squadre perché è stato un patto tra gentiluomini: una squadra era in condizione di giocare e l’altra non voleva giocarla così”.






LEGGI ANCHE

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE