polizia-


Ha fatto credere a Renato Macri’, gia’ condannato nel processo Minotauro sulla presenza della ‘Ndrangheta nel Nord Italia, che fossero in corso indagini sul suo conto e si e’ fatto consegnare 200 euro per comunicargli gli esiti dei millantati accertamenti. Carlo Blandino, carabiniere di 52 anni in servizio a Torino, e’ stato arrestato oggi dalla polizia. Le manette sono scattate anche per il suo dentista Domenico Panetta, 61 anni, che aveva fatto da mediatore e aveva organizzato, nel suo studio di Rivoli, gli incontri tra Macri’ e il militare. L’accusa, per entrambi, e’ di millantato credito. Dalle indagini, coordinate dai pm Paolo Toso e Monica Abbatecola e condotte dalla Squadra mobile, e’ emerso che Blandino avrebbe insabbiato alcune inchieste. Il militare non ha comunicato ne’ ai suoi superiori ne’ all’autorita’ giudiziaria diverse informazioni su un calabrese trovato con un’arma detenuta illecitamente e sui rapitori di Ivan Napoli, il commerciante di auto in nero sequestrato a Torino nell’aprile 2017. Blandino e’ accusato anche di favoreggiamento. Al suo arresto hanno partecipato anche i carabinieri del comando provinciale di Torino.



Pubblicità'

I Mercatini al Castello di Ottaviano: oltre cinquecento richieste da tutta Italia per esporre nel Palazzo Mediceo

Notizia Precedente

Ruba 2 mila euro e gli orecchini alla ex e poi la getta fuori dalla auto insieme con la figlioletta di un anno: arrestato

Prossima Notizia