Figc Campania: Pastore va a giudizio per truffa

Continuano le disavventure giudiziarie per l’ex padre-padrone del calcio dilettantistico campano. Va a giudizio per truffa e false comunicazioni sociali Vincenzo Pastore, ex presi­dente del comitato campano della Federcalcio. Il giudice per l’udienza preliminare ha accolto infatti la richiesta del pm Giancarlo Novelli e ha fis­sato il processo per il prossi­mo 12 dicembre davanti alla II sezione del Tribunale. Il rinvio a giudizio arriva al termine di un’inchiesta della Guardia di Finanza sulla gestione di «Calcio Campania Immobilia­re srl», la società che ha am­ministrato gli immobili napo­letani di proprietà della Lega Nazionale Dilettanti-Figc. La Procura, in pratica, accusa il buon Pastore di aver intascato la bellezza di 225mila euro lordi di stipen­dio per un incarico di diretto­re generale della società immobiliare, fatto di proposito per assicurargli una retri­buzione.

Renato Pagano
Contenuti Sponsorizzati