🔴 ULTIME NOTIZIE :

Musei: marchio Mann, bando internazionale per merchandising

"Il nostro patrimonio identitario può generare economia con lo sviluppo sui mercati globali di merchandising di qualità, anche coinvolgendo l'alto artigianato territoriale, costituendo così nuove interessanti fonti di finanziamento per il Museo". Lo ha detto il direttore del Museo Archeologico Nazionale Paolo Giulierini presentando il bando internazionale e l'iter per...

Omicidio di Ciro Esposito, la Cassazione conferma i 16 anni di carcere a De Santis

E’ definitiva la condanna a 16 anni di reclusione per Daniele De Santis, l’ex ultra’ […]

    E’ definitiva la condanna a 16 anni di reclusione per Daniele De Santis, l’ex ultra’ giallorosso accusato dell’ di , il tifoso del rimasto ferito il 3 maggio 2014 alla vigilia della finale di Coppa Italia nel corso di incidenti scoppiati a Tor di Quinto e morto all’ospedale Gemelli dopo 53 giorni di agonia. La prima sezione penale della Cassazione ha rigettato il ricorso presentato dall’imputato contro la sentenza emessa in appello nel giugno dello scorso anno, con la quale era stata notevolmente ridotta la pena rispetto a quella inflitta a De Santis in primo grado: i giudici della Corte d’assise d’appello di Roma, infatti, avevano assolto l’imputato dal reato di rissa ed escluso le aggravanti dei futili motivi e della recidiva, riducendo cosi’ a 16 anni la prima condanna a 26 anni di carcere. Anche la procura generale della Suprema Corte aveva stamane in udienza sollecitato il rigetto del ricorso dell’ex ultra’.

    “Finalmente giustizia”. E’ il primo commento dell’avvocato , legale di parte civile della famiglia di Ciro Esposito, alla decisione della Cassazione di confermare 16 anni di reclusione per Daniele De Santis. “Ora c’e’ la certezza che non ci saranno altri sconti di pena per chi ha compiuto un crimine ingiustificato che ha colpito non solo la famiglia Esposito – osserva l’avvocato – ma anche l’intera citta’ di Napoli e il mondo del calcio. E’ importante – conclude – che questa pena venga scontata in carcere senza nessun vantaggio”.  “Volevo la verita’, e l’ho avuta: non mi interessa quanti anni si fa De Santis ma solo che siano state definite le sue responsabilita’”: cosi’ Antonella Leardi, mamma di Ciro Esposito, ha commentato il verdetto della Cassazione che ha confermato 16 anni di reclusione per l’omicidio di suo figlio nei confronti dell’ultra’ romanista Daniele De Santis. La donna stamani e’ stata presente in Cassazione all’udienza davanti alla Prima sezione penale e dopo avere ascoltato le arringhe degli avvocati di parte civile, Angelo e Sergio Pisani, e’ uscita quanto ha preso la parola la difesa di De Santis. Antonella Leardi ha fatto ritorno a Napoli, nel quartiere di Scampia dove ci sono gli altri due fratelli di Ciro.  “Siamo soddisfatti della decisione della Cassazione che non ha accolto il tentativo della difesa di Daniele De Santis di far passare la tesi che l’omicidio di Ciro Esposito fosse un caso di legittima difesa”. Lo hanno sottolineato gli avvocati Angelo e Sergio Pisani che hanno rappresentato in Cassazione i famigliari di Ciro Esposito, il giovane tifoso del Napoli ucciso a Roma nel maggio 2014 da un colpo di pistola sparato dall’ultra’ romanista Daniele De Santis. “Chiaramente non siamo soddisfatti della riduzione di pena che e’ stata concessa a De Santis in appello, e’ che e’ troppo lieve in relazione a una vicenda cosi’ grave, ma la pena al ribasso non e’ una colpa della Cassazione perche’ e’ stata decisa dalla Corte d’Assise. E’ importante che sia stato riconosciuto che De Santis era consapevole del fatto che sparando poteva uccidere, cosa che purtroppo e’ avvenuta”, hanno sottolineato i due legali commentando il verdetto della Suprema Corte.

    Leggi anche

    google news

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    Napoli, ponte via Castellino nel degrado

    “Sabato mattina si è sfiorata la tragedia in via Castellino, nei pressi della fermata della metropolitana di Montendonzelli. In tanti ci avevano segnalato una...

    Milano, ragazza muore per shock anafilattico dopo aver mangiato un tiramisù vegano

    Una ragazza di 20 anni è morta ieri all'Ospedale San Raffaele di Milano dopo essere andata in shock anafilattico per aver mangiato un dolce...

    Festa polizia penitenziaria, i sindacati: ‘è grave è privo di sensibilità’ organizzarla a Santa Maria Capua Vetere

    Per la festa della polizia penitenziaria i sindacati di polizia penitenziaria Sinappe, Uil Pa Pp, Uspp, Fns Cisl, Fp Cgil e Cnpp, giudicano in...

    A Pozzuoli al via ‘Rione Terra, oltre le mura’

    ''Rione Terra, oltre le mura" è il progetto varato dal Comune di Pozzuoli in collaborazione con l'Archivio di Stato di Napoli che ha l'obiettivo...