polfer


Napoli. Rafforzati i controlli nelle stazioni: raffica di denunce e contravvenzioni. Il Compartimento Polizia Ferroviaria per la Campania, in occasione dei ponti del 25 aprile e 1 maggio, ha potenziato i controlli in ambito stazione su persone sospette, venditori ambulanti, passeggeri e bagagli, prestando attenzione al flusso di viaggiatori, pendolari e studenti in tutte le stazioni della Campania.
I servizi sono stati effettuati in alcuni giorni anche con il concorso degli uomini della Questura di Napoli: Unità Cinofile, Unità Operativa Pronto Intervento (Uopi) ed equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Campania. Per tali controlli sono stati utilizzati anche i metal detector.
I controlli effettuati dal personale Polfer hanno permesso, di conseguire i seguenti risultati: 7467 identificati, 25 denunciati, 3 arrestati per furto aggravato, 80 contravvenzioni. Sono stati 30 i sequestri tra cui stupefacenti, 1 coltello con lama 21 cm e merci varie vendute in stazione: bibite, calzini e accendini.
In particolare ieri 3 maggio, attuando un dispositivo disposto dal Servizio Polizia Ferroviaria su scala nazionale (cd. OPERAZIONE “RAIL SAFE DAY”) sono stati predisposti dei servizi specifici volti a contrastare comportamenti impropri in ambito ferroviario, spesso causa di incidenti, come l’attraversamento binari, la salita o discesa da convogli in movimento, l’indebita presenza sulla linea ferroviaria, presenza oltre la linea gialla di sicurezza, attraversamento passaggi a livello chiusi o in movimento, concentrandosi prevalentemente in zone che sono state in passato teatro di incidenti o che, oggettivamente per la loro collocazione, risultano essere più di altre interessate dalle criticità in questione.
Durante i controlli, in prossimità della stazione ferroviaria di Napoli Traccia, gli uomini della Polfer hanno ritrovato una persona riversa per terra ed in uno stato confusionale, trasportata subito dal 118 presso l’ospedale Nuovo Loreto Mare. Successivamente l’uomo è stato identificato si tratta di Giuseppe Giusti, napoletano di anni 47, la cui scomparsa era stata denunciata dalla madre e il suo caso era stato anche raccontato da ‘Chi l’ha Visto?’.


Google News

Pimonte: i killer di Sabatino hanno lasciato la firma

Notizia precedente

Controlli Arpac, il lungomare di Napoli non è balneabile

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..