I figli del vecchio boss della Masseria Cardone “Giggino Nacchella” per l’anagrafe Luigi Esposito avevano esportato a il modello  Scampia delle piazze di spaccio. E per questo che come succedeva negli anni di piombo a Nord di Napoli anche su chi “sgarrava” veniva punito. Imponevano ai pusher l’esclusivo approvvigionamento della droga dall’organizzazione. Ma i fedelissimi per mostrare il rispetto verso i due capi si tatuavano le loro iniziali sul corpo proprio come accadeva e accade ancora oggi con i clan della a Napoli. È quanto accertato dai carabinieri del Nucleo investigativo di . In particolare nell’aprile 2015 a San Basilio, alla periferia della Capitale, tre pusher vennero gambizzati perché si erano riforniti da estranei al gruppo guidato dai fratelli Esposito. E furono gambizzati proprio da . Lui e il fratello Sasà, che vivevano nel lusso ai a Roma, tra auto di lusso, abiti firmati, ristoranti stellati e locali alla moda, non si nascondevano dietro i convenevoli. Loro erano i due boss e come tali erano capiclan che non avevano vie di mezzo, come quando decisero di dedicarsi alle attività di droga. Secondo le forze dell’ordine riuscivano a garantire i passaggi di sostanze stupefacenti grazie alla “fedeltà” che i pusher gli davano. Ecco il ruolo dei due perni principale dell’indagini, ovvero Gennaro e Salvatore Esposito, figli del boss Luigi detto “Nacchella”, ex boss inserito negli elenchi dei trenta superlatitani. L’ordinanza di custodia si basa sugli accertamenti effettuati dai Carabinieri tra il 2013 e il 2016 nell’ambito dell’indagine denominata Gallardo (dal nome della Lamborghini in uso ai due fratelli), che ha permesso di accertare l’esistenza a Roma di un’organizzazione di narcotrafficanti capeggiata dai  due fratelli. Secondo gli investigatori, il gruppo facente capo agli Esposito si occupava per lo più della gestione della piazza di spaccio di via Maiolati, a San Basilio, e della fornitura di coca nella zona del litorale romano. L’area era gestita sul modello di Scampia, con capipiazza, vedette e pusher: uno di questi, per certificare la propria fedeltà, si è persino fatto tatuare su un
braccio “Sasà” e “Genny”, i diminutivi dei suoi due capi. L’altra compagine, quella diretta da , curava invece l’approvvigionamento e la successiva consegna di ingenti quantitativi di cocaina a e provincia, grazie anche alla collaborazione di esponenti delle cosche di ‘ndrangheta della provincia di Reggio Calabria, le famiglie Filippone e Gallico, presenti a . I fratelli Esposito si sarebbero trasferiti a dopo un patto stretto dal padre Luigi, considerato storico esponente del clan Licciardi e braccio destro di Gennaro detto “a scigna”, con il boss Michele Senese. È quanto ricostruito dagli investigatori. In particolare Luigi Esposito e Michele Senese si sarebbero incontrati in una casa di cura della Capitale. Dopo quell’incontro i fratelli Esposito si trasferirono ai , vivendo in appartamenti di lusso e gravitando nella zona di Ponte Milvio dove si sarebbero avvalsi di gruppi di albanesi per l’approvvigionamento di droga e come loro ”braccio armato”.

LEGGI ANCHE  Truffe online con falso corriere: denunciato 34enne di San Giorgio

I RUOLI
C’è chi faceva la “spesa”, chi “cuninava”, chi “consumava” e chi “incassava”. Ognuno, nel clan di , aveva il suo compito. Ecco nello specifico chi faceva cosa.
SALVATORE SALVATORE EGENNY ESPOSITO dirigono e finanziano l’associazione, coordinando l’attività dei singoli partecipi.
MATTEO MENNA E MARCO CADILE dirigono e organizzano le attività di spaccio nel quartiere di San Basilio, coordinando l’attività dei soggetti preposti allo spaccio.
PIERO SANTARELLI, MANOLO BONGIORNO, TIZIANO CARDARELLO E ROBERTO CARDARELLO partecipano all’associazione con il compito della vendita al dettaglio di sostanze stupefacenti nella piazza di spaccio di San Basilio.
, partecipa all’associazione, fornendo abitualmente e continuativamente lo stupefacente al gruppo capeggiato dai fratelli Esposito. GIOVANNI RISPOLI GIOVANNI partecipa all’associazione, provvedendo alla custodia e alla cessione di sostanze stupefacenti per conto dell’organizzazione.
FRANCESCO CIOTOLA partecipa all’associazione, offrendo la sua costante disponibilità a favore dei fratelli Esposito e occupandosi anche di alcune cessioni al dettaglio.
DANIELE PETRUCCI partecipa all’associazione, svolgendo la funzione di raccordo tra e i componenti della piazza di spaccio di San Basilio, e contribuendo all’assistenzaeconomica dei partecipi detenuti. BEATRICE BOGGIANI partecipa all’associazione, acquistando abitualmente, per il tramite di Giovanni Rispoli, sostanza stupefacente del tipo cocaina dall’organizzazione, per la successiva cessione al dettaglio.
SIRO SPARAPANO partecipa all’associazione, effettuando abitualmente operazioni di compravendita di sostanza stupefacente del tipo cocaina direttamente con i fratelli Esposito.
PASQUALE IOVINELLA partecipa all’associazione, acquistando abitualmente sostanze stupefacenti del tipococaina direttamente dai fratelli Esposito, destinate ad alimentare lo spaccio al dettaglio nella zona di .
I NOMI DEGLI INDAGATI

LEGGI ANCHE  Da Napoli a Roma per truffare anziani: arrestati in 7

BOGGIANI BEATRICE NATA A ROMA IL 07.08.1988,
BORGIANI ROBERTO NATO A ROMA IL 03.04.1963
BOTTIGLIERI ALESSANDRO NATO A ROMA IL 07.02.1971
CIOTOLA FRANCESCO  NATO A NAPOLI IL 14.10.1979
ESPOSITO GENNY  NATO A NAPOLI IL 20.04.1989
ESPOSITO SALVATORE NATO A NAPOLI IL 09.09.1986
FILIPPONE FRANCESCO  NATO A MELICUCCO (RC) IL 10.08.1980
GIANNINI MARCO  NATO A ROMA IL 07.12.1979
IOVINELLA PASQUALE  NATO A ROMA IL 15.07.1981
LEKA ARBEN  NATO A VLORE (ALBANIA) IL 19.02.1969
MAUTI SIMONE  NATO A ROMA IL 07.03.1979
MAZZULLO ALESSANDRO  NATO A OPPIDO (RC) IL 24.10.1983
MENNA MATTEO  NATO A ROMA IL 22.07.1990,
MEZZATESTA DANIELE NATO A ROMA  IL 20.07.1978
PERRONACE DAVIDE NATO A (RM) IL 10.07.1974,
PETRUCCI DANIELE  NATO A ROMA IL 14.11.1980
PIERINI GABRIELE NATO A ROMA IL 26.12.1979
POLITO VINCENZO  NATO A ROMA  IL 21.12.1970
RISPOLI GIOVANNI NATO A NAPOLI  IL 28.02.1991
SALVATORI DANIELE NATO A ROMA IL 17.10.1977
SPARAPANO SIRO NATO A ROMA IL 27.03.1985
ZOGU ARBEN NATO IN ALBANIA IL 20.03.1973


Cronache Tv



Flash News

Governo: nominati i 39 sottosegretari

Dei nuovi #Sottosegretari, sei assumeranno le funzioni di #Viceministro,
Leggi tutto

In Campania 60mila dosi di vaccino a over 80, 21mila a personale scuole

Queste le dichiarazioni del governatore della Campania Vincenzo De Luca.
Leggi tutto

Benitez: ‘Ritorno al Napoli? Non mi esprimo’

Il Napoli perde quota in classifica ed il nome di Rafa Benitez circola con sempre maggiore insistenza come possibile sostituto di Rino Gattuso,
Leggi tutto

Cercola, dipendente comunale con la variante inglese: il sindaco lo chiude

Cercola, dipendente comunale con la variante inglese: il sindaco lo chiude fino al 27 febbraio
Leggi tutto

Casi covid alla scuola media di Ercolano: il sindaco la chiude

Il sindaco di Ercolano chiude una scuola per troppi casi covid
Leggi tutto

Il nuovo rapporto della Dia: Casalesi ancora forti e attivi nel Casertano

Il rapporto semestrale della Direzione investigativa antimafia ha certificato la permanenza del forte radicamento e l'operatività del Clan dei Casalesi nel territorio casertano.
Leggi tutto

Corruzione all’Asl di Caserta: sospesi i nove dipendenti indagati

Il direttore generale dell'Asl di Caserta Ferdinando Russo ha sospeso con proprio provvedimento nove dipendenti rimasti coinvolti nell'indagine "Penelope"
Leggi tutto

Rider di Benevento denuncia: ‘Picchiati e derubati senza tutele’

"E' vergognoso che l'azienda per cui lavoriamo non ci tuteli affatto"
Leggi tutto

Sparatoria a Napoli, ferito il pregiudicato Bernardo Torino

L'uomo è stato #ferito ad entrambe le braccia: ha raccontato di essere rimasto vittima di un tentativo di #rapina
Leggi tutto

Orti sociali nel bene confiscato: bando per l’assegnazione di altri 11 lotti

Con un bando a firma del sindaco Enzo Guida e del presidente della commissione consiliare beni confiscati Francesco Maria Turco, sono stati riaperti per l’assegnazione degli orti sociali presso il bene confiscato in via Rosa Parks a Cesa.
Leggi tutto

Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori

Altre Notizie

Revocato sciopero netturbini nei comuni di Afragola, Gragnano, Ercolano, Nola e San Giorgio

In accordo con le sigle sindacali, è stato revocato lo sciopero programmato inizialmente il 25 febbraio 2021 nelle città di...
Leggi tutto

Napoli, pusher bloccato dalla polizia alle ‘Case Nuove’

Raffaele Fonzo, 40enne napoletano con precedenti di polizia, è stato arrestato per detenzione e spaccio di sostanza stupefacente.
Leggi tutto

Napoli, il papà di Ugo Russo: ‘Murales? Se il Comune vorrà coprirlo non ci opporremo’

#VincenzoRusso ha spiegato la posizione della famiglia: 'Noi vogliano solo sapere la verità'
Leggi tutto

Napoli, cerca di disfarsi di una pistola dopo un inseguimento, arrestato

In manette è finito il 18enne #VincenzoPecoraro
Leggi tutto

Covid, in aumento i nuovi casi in Italia: sono 16.424

Sono ben 340.247 i tamponi effettuati per un tasso di #positivita' del 4,8%
Leggi tutto

Napoli, Ponticelli celebra i 30 anni del ragazzino eroe Francesco Paolillo

In allestimento anche un murale in via #CarloMiranda dove abita la famiglia
Leggi tutto

Salerno, così il boss Michele Cuomo spacciava droga in carcere. TUTTI I NOMI

Il boss di #Nocera aveva la collaborazione di pregiudicati del clan #Mazzarella detenuti a #Fuorni
Leggi tutto

"Epidermide” (Blackcandy Produzioni), nuovo brano di Serena Altavilla che anticipa il nuovo album.
Leggi tutto

Napoli, riprendono gli scavi nel sito archeologico di Carminiello ai Mannesi nel cuore di Forcella

Borrelli ed Eduardo Di Napoli: ”La nostra città trabocca di storia che va però tutelata e valorizzata.”
Leggi tutto

Garante detenuti Campania: 83enne ex affiliato NCO colto da malore in carcere

Marandino è stato arrestato lo scorso 3 febbraio per usura ed esercizio abusivo di attività finanziaria
Leggi tutto

Covid, forte incremento di positivi e morti in Campania

Sono ben 2.185 i nuovi casi, 40 le #vittime. Percentuale al 10,22%
Leggi tutto

Rubati tamponi, test rapidi e mascherine dal presidio covid di Castellammare.

La vicenda è stata denunciata pubblicamente dal sindaco di Castellammare, #Gaetano Cimmino
Leggi tutto

Pd Napoli, Valerio Di Pietro sul invio delle elezioni amministrative

Valerio Di Pietro: "La discussione di carattere prettamente locale sulla data in cui si terranno le elezioni amministrative, è davvero...
Leggi tutto

Pompei, concluso il restauro del grande affresco della Casa dei Ceii

La Casa dei Ceii, scavata tra il 1913 e il 1914, rappresenta uno dei rari esempi di dimora antica di...
Leggi tutto

Maikol Arcarisi torna con “Se non hai da fare”, il suo nuovo singolo

Il cantautore palermitano prosegue il suo viaggio all’insegna dell’emozione con questo nuovo brano, un manifesto dell’amore senza tempo
Leggi tutto

Napoli, garage privati che utilizzano le strisce blu ed i passi carrabili per i loro clienti

Il titolare del garage si scusa a La Radiazza: “Rivolgo le mie scuse al Consigliere e a tutta Napoli”
Leggi tutto

Scafati è ‘zona rossa’. I dati e i provvedimenti in vigore fino all’8 marzo 2021

Scafati zona rossa: gli ultimi dati relativi all'incremento esponenziale dei casi di contagio da Covid-19, inviati dall'Unità di crisi regionale,...
Leggi tutto

Frodi sui petroli: arrestato imprenditore pregiudicato legato al clan Formicola

In manette è finito #GiuseppeSavino. Sono state sequestrate anche tre aziende a lui collegate
Leggi tutto

Meret: ‘Non dobbiamo subire gol, altrimenti si fa dura’

Il portiere del #Napoli: 'Passare il turno ci potrà aiutare a migliorare'
Leggi tutto

Napoli, maltratta i genitori: arrestato 36enne a Piscinola

36enne napoletano, è stato arrestato per tentata estorsione, maltrattamenti in famiglia e minacce gravi.
Leggi tutto


Ti potrebbe interessare..