Napoli, confessione choc della donna che ha ucciso la madre del salumiere tiktoker

Stefania Russolillo, accusata dell'omicidio della 72enne Rosa Gigante, madre...
IL VIDEO

Napoli, auto si ribalta e finisce la corsa in mezzo alla carreggiata

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Il video di un terribile incidente avvenuto intorno alle 4 del mattino in via Cavalleggeri, nel quartiere di Fuorigrotta, è stato inviato al deputato di Alleanza Verdi Sinistra, Francesco Emilio Borrelli.

PUBBLICITA

Nelle immagini si vede un’auto capovolta al centro della carreggiata con i vetri sfondati in seguito al violento impatto. L’alta velocità è probabilmente la causa dell’incidente. Sul posto sono intervenuti i soccorsi stradali e le forze dell’ordine per i primi rilievi.

“Fuorigrotta, così come tante altre zone della città, diventa sempre più spesso un vero e proprio autodromo per criminali della strada. Questa volta un’auto ha terminato la propria corsa ribaltandosi a pochi metri da una pompa di benzina nel bel mezzo della carreggiata.

Solo il caso ha fatto sì che nessuno sia rimasto ferito, come sembra emergere dai primi rilievi. Ma quello che è certo è che non è più tollerabile la conta degli incidenti stradali in città causati da folle velocità, da persone che guidano filmandosi con i cellulari o che ingaggiano folli competizioni.

Non lontano da qui hanno perso la vita il piccolo Christian, travolto da un’auto mentre camminava sul marciapiede insieme alla mamma; Rita Granata, investita mentre attraversava la strada in via Leopardi; Sara Romano, travolta e uccisa da un SUV al rientro da una discoteca; Francesco Altamura e Lucia Morra, travolti e uccisi da un’auto mentre erano in sella al loro scooter in via Terracina.

Siamo stanchi di questa dolorosa conta delle vittime della follia criminale. Bisogna lavorare prima di tutto sulla prevenzione, e da questo punto di vista si conferma il flop annunciato del nuovo codice della strada che non ha risolto nessuno dei tanti problemi della sicurezza stradale.

Occorre poi installare subito dei dossi o riduttori di velocità nelle strade a scorrimento veloce”

come chiediamo da tempo insieme ai familiari delle vittime, e bisogna prevedere più controlli in strada e sanzioni severissime per chi si mette al volante o alla guida di una moto senza alcun rispetto per la vita altrui”. Questo il commento di Borrelli.


googlenews
facebook


I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE