Napoli, morta Rita Granata: investita domenica mentre scendeva da un taxi

SULLO STESSO ARGOMENTO

Rita Granata non ce l’ha fatta: la giovane di appena 27 anni, ha perso la vita a seguito di un tragico incidente avvenuto a Fuorigrotta.

Il drammatico investimento si è verificato in via Leopardi nella notte tra il 5 e il 6 maggio mentre la ragazza stava scendendo da un taxi. Dopo aver trascorso una serata in compagnia delle amiche, Rita ha deciso di farsi accompagnare a casa insieme ad altre ragazze.

Purtroppo, è stata investita da un’auto condotta da un giovane di 24 anni che, inizialmente, non ha prestato soccorso e successivamente è tornato sulla scena. Rita è stata trasportata all’ospedale San Paolo, dove, oggi, nonostante un intervento chirurgico e tre giorni di agonia, purtroppo si è conclusa la sua giovane vita.

    Il commosso saluto degli amici della Federazione italiana Judo

    A lei il Comitato promozione e sviluppo per la Campania della Federazione italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali (Fijlkam) ha dedicato una nota pubblicata su Facebook: “La nostra Rita Granata è venuta a mancare, negli ultimi mesi cara Rita eri stata una figura di valore per il nostro comitato, presente a tutte le manifestazioni, sempre educata, rispettosa e professionale. Oggi è stato un duro colpo per tutti noi. Ciao Rita, stai sicura che ti ricorderemo nel migliore dei modi”.

    Alle elezioni amministrative del 2021 Rita Granata era stata candidata al Consiglio municipale della Decima Municipalità di Napoli con la lista “Napoli 2030”, senza essere eletta.

    Ora si aggrava la posizione del giovane investitore: l’accusa nei suoi confronti sarà di omicidio stradale e bisognerà capire se il pm vorrà applicare l’aggravante della fuga e mancato soccorso.

    “E ci troviamo a piangere un’altra vittima innocente della strada. Una ragazza uccisa dalla follia e dall’incoscienza.

    Sono anni che assieme ai cittadini ci battiamo per l’installazione di dossi e dispositivi anti-velocità su quelle strade ormai diventate dei cimiteri. Eppure ci hanno dato pochissimo ascolto e ci si muove a passo di lumaca.

    Avevamo chiesto misure stringenti contro i pirati della strada eppure il Governo sta varando un nuovo codice della strada che toglie potere alle istituzioni locali e non colpisce a dovere chi guida ad alta velocità nei centri urbani.

    La morte di Rita e di tutte le vittime innocenti travolte da delinquenti peserà sulle coscienze di chi non ha ascoltato, di chi ha voltato la testa dall’altra parte, di chi pensa che vi siano altre priorità e di chi può ma non fa.

    Innanzitutto ora pretendiamo giustizia per questa giovane donna e pene durissime per i delinquenti della strada”, queste le parole del deputato dell’Alleanza Verdi Sinistra Francesco Emilio Borrelli.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Camorra, assoluzione piena per i fratelli Diana: “Il fatto non sussiste”

    Assoluzione con formula piena - "il fatto non sussiste" - per i fratelli Antonio Diana e Nicola Diana, figli di Mario Diana, vittima innocente della criminalità organizzata. I due erano sotto processo a Santa Maria Capua Vetere con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Il tribunale, presieduto dal giudice...

    Napoli, omicidio Coppola respinto il ricorso di Petrucci: resta in carcere

    Napoli. Il Tribunale del Riesame di Napoli ha respinto il ricorso presentato dall'avvocato Antonio Bucci a favore di Gennaro Petrucci, l'imprenditore ritenuto il mandante dell'omicidio dell'ingegnere Salvatore Coppola. Petrucci, già detenuto, resta in carcere. Petrucci, marito 73enne dell'imprenditrice antiracket Silvana Fucito, è accusato di aver assoldato un killer, Mario De...

    CRONACA NAPOLI