Tragedia Suviana, sommozzatore della Finanza: “Lì sotto un inferno, impossibile raggiungerli”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Ho visto muri spessi un metro e ottanta letteralmente sfondati come fossero di cartongesso. L’esplosione deve essere stata tremenda”, racconta il Comandante dei Sommozzatori della Guardia di Finanza di Rimini, Giovanni Cirmi, a Repubblica, dopo la tragedia alla centrale idroelettrica di Enel Green Power a Suviana.

“L’immagine di quelle grandi pareti abbattute dai pezzi di turbina scagliati via in ogni direzione con una violenza inaudita non sarà facile da dimenticare”, ammette Cirmi. Ieri “abbiamo potuto ispezionare solo il livello a meno 8, circa 40 metri di profondità.

Gli altri due piani inferiori erano già completamente allagati e l’acqua stava iniziando a salire. Siamo andati avanti finché è stato possibile, ma a quel punto siamo stati costretti a risalire, era troppo pericoloso continuare. Non c’erano le minime condizioni di sicurezza per proseguire le operazioni”.

Purtroppo, “le condizioni oggettive ci dicono che le possibilità sono poche, ma finché c’è anche una sola speranza, noi come sempre faremo tutto il possibile”.

Le ricerche dei dispersi continuano senza sosta, ma le speranze di ritrovarli vivi si assottigliano con il passare delle ore. I sommozzatori Gdf, insieme alle altre squadre di soccorso, stanno lavorando instancabilmente per fare luce su questa tragedia e per dare un ultimo saluto ai lavoratori che hanno perso la vita.


Torna alla Home

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Il sindaco di Bari a De Laurentiis: “Venda subito la società”

Bari. A poche ore dalla gara di ritorno dei playout contro la Ternana, che deciderà il destino del Bari in Serie B, il patron Aurelio De Laurentiis scatena una nuova polemica in città con le sue dichiarazioni in Senato sulla multiproprietà. De Laurentiis, proprietario del Bari attraverso la Filmauro, ha...

In Campania allarme scommesse: la diffusione tra i giovani

Il primo posto per il gioco online in Italia è della Campania, che nel 2022 ha visto i cittadini spendere 10 milioni e 482.000 euro, pari a 1.874 euro a testa. Inoltre, la Campania è la prima regione italiana per conti online di gioco aperti, con oltre tre milioni di...

CRONACA NAPOLI