Assenteismo alla Reggia di Caserta, una condanna e 4 assoluzioni

SULLO STESSO ARGOMENTO

Una condanna e quattro assoluzioni: questo il verdetto emesso dal giudice monocratico Norma Cardullo del tribunale di Santa Maria Capua Vetere al termine del processo sui casi di assenteismo alla Reggia di Caserta.

Un anno e cinque mesi di reclusione sono stati inflitti a Giovanni Maiale, mentre sono stati assolti gli altri imputati Benedetto Petriccione, Leonisio Ammirati, Francesco Martone e Giovanni Di Sarno, tutti ex dipendenti della Reggia tranne Martone e Ammirati, tuttora in servizio.

I lavoratori del settore vigilanza del monumento patrimonio dell’Unesco furono coinvolti in un’indagine della Procura di Santa Maria Capua Vetere e della Squadra Mobile della Questura di Caserta, con l’esecuzione, nel maggio 2018, nei confronti di Maiale e di un altro dipendente che ha patteggiato prima del processo, della misura cautelare emessa dal Gip dell’obbligo di firma prima di entrare in servizio e dopo avere terminato l’orario di lavoro.

    L’indagine prese le mosse dal furto dell’incasso alla buvette della Reggia; mentre indagavano sul colpo, gli investigatori della Squadra Mobile accertarono infatti i presunti casi di assenteismo, con dipendenti che invece di tenere sotto controllo la Reggia, si assentavano per ore durante l’orario di servizio per andare a mangiare una pizza o svolgere commissioni personali, rendendo il lavoro dei ladri ancora più semplice.

    Una ricostruzione che è stata ritenuta sussistente dal giudice solo per Maiale e non per gli altri quattro imputati.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Reggia di Caserta imbrattata, individuato il responsabile: è un 18enne nordafricano

    ìLa Polizia di Stato ha individuato e denunciato l'autore dell'imbrattamento della facciata della Reggia di Caserta. Secondo quanto emerso, il responsabile sarebbe di origine nordafricana e avrebbe compiuto l'atto vandalico nella notte tra martedì e mercoledì scorsi, utilizzando vernice spray per imbrattare la storica facciata dell'edificio. Le indagini, avviate immediatamente...

    ‘Le seconde vite’ di Roberto D’Alessandro, il 23 maggio la prima presentazione napoletana

    Da ScottoJonno la prima presentazione napoletana del libro di InKnot edizioni. Dopo l’anteprima alla XXXVI edizione del Salone del Libro di Torino, giovedì 23 maggio, la casa editrice inKnot Edizioni, presenta a Napoli, presso SottoJonno – nell’ambito della rassegna la cultura diffusa di ScottoJonno –, Le seconde vite, secondo romanzo...

    CRONACA NAPOLI