Il clan dei telefonini in carcere. Il pentito: “Entravano nascosti nelle ruote delle sedie a rotelle dei familiari”

SULLO STESSO ARGOMENTO

L’ingegno dei detenuti e dei loro familiari complici per entrare in carcere tutto quello che di illegale non conosce limite ne ostacoli.

“Noi facevamo entrare i telefonini anche attraverso un detenuto di Marcianise di cui non ricordo il nome ma solo il soprannome plusiello, questa persona faceva entrare i telefonini utilizzando la sedia a rotelle di un familiare che veniva a trovarlo in carcere, in quanto le sedie a rotelle non vengono perquisite al momento del loro ingresso in carcere. Questo sistema è andato avanti fino alla mia collaborazione”.

Lo ha svelato il pentito Enzo Topo in uno dei suoi tanti interrogatori ai magistrati della Dda di Napoli nell’ambito dell’inchiesta sul traffico di telefonini e droga nelle carcere italiane gestita da un gruppo di camorristi e che la scorsa settimana ha portato in carcere 21 persone.



Gli indagati sono stati tutti sottoposti all’interrogatorio di garanzia, in molti si sono avvalsi della facoltà di non rispondere e restano in carcere tranne la 59 enne Roberta Cascone che dopo aver risposto al gip è stata scarcerata con il solo obbligo di dimora a Napoli.

Intanto dalle maglie dell’inchiesta emerge dal racconto dei pentiti che l’organizzazione criminale che aveva come punto di riferimento il pregiudicato ed esperto pilota di droni Vincenzo Scognamiglio aveva dei referenti tra gli agenti penitenziari in ogni carcere.

 L’organizzazione aveva un agente penitenziario complice in ogni penitenziario

Come emerge dal racconto del pentito Pasquale Paolo: “Sono stato trasferito a Melfi il primo dicembre 2020 ma prima sono stato circa due mesi in isolamento al Padiglione Livorno, dove acquistai un telefono da uno “zingarello” che me lo fece pagare 400 euro. Questo telefono sono riuscito a portarlo con me a Melfi.

Il quel reparto c’era anche il Tenente, che faceva entrare il fumo tramite una guardia. Il Tenente è un soggetto di Scampia, che è il marito della sorella di …omissis…, che è a sua volta il marito di … omissis… Conosco questo Tenente sin da bambino.

Al terzo piano del Padiglione Avellino chi faceva entrare i telefoni era Santo Tessitore (figlio di Giuseppe Tessitore) di Afragola che “appartiene” a Raffaele ‘o panzaruttaro. Stava nella stanza 64, è stato beccato moltissime volte con i telefoni. Poi lo portarono al Padiglione Milano, al 14 bis, e anche lì fu sorpreso con un telefono. Poi fu spostato a 8ellizzi Irpino, e qui ha incominciato a lavorare con il drone, insieme a Diego Colurcio, Umberto De Vitale ed un certo Lucio, che è colui che ha inventato il sistema del drone per portare i telefoni in carcere”.

@riproduzione riservata


Torna alla Home

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui


Choc ad Avellino: allo stadio con foto di Anna Frank con maglia del Benevento, indagini in corso

Un'immagine sconcertante ha scosso i social media durante il derby campano di Serie C tra Avellino e Benevento, suscitando indignazione e condanna da parte dell'opinione pubblica. Si tratta di una foto che mostra una mano che regge un'immagine di Anna Frank indossante la maglia giallorossa del Benevento, con la...

Al Teatro Civico 14 di Caserta in scena ‘Fine pena Ora’

Venerdì 19 aprile ore 21.00 arriva sul palcoscenico del Teatro Civico 14 di Caserta, Fine pena Ora, storia di un’amicizia impossibile, una corrispondenza durata 34 anni fra un ergastolano e il giudice che l’ha condannato. In scena, Salvatore D’Onofrio, Costanza Maria Frola, Giuseppe Nitti. Tratto dalla storia vera e autobiografica,...

Chiaré, il debutto musicale della talentuosa artista Chiara Ianniciello

Il debutto discografico di Chiaré Chiara Ianniciello, talentuosa cantautrice e contrabbassista originaria di Salerno, presenta oggi il suo album d'esordio intitolato "Chiaré". Questo lavoro, composto da otto tracce intime e suggestive, rappresenta un mix affascinante di sonorità retro e atmosfere jazz, che richiamano alla mente le grandi icone della...

A Caivano pizzo mensile in cambio di “protezione”: arrestati dopo aver incassato la prima rata

Due esponenti di uno dei clan di camorra di Caivano sono stati arrestati seguito a un'attività di estorsione ai danni di un commerciante. Gli agenti della Squadra Mobile di Napoli hanno condotto un'indagine che ha portato all'identificazione e all'arresto dei responsabili. I due soggetti avevano richiesto al titolare di un'attività...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE