Rocco Siffredi accusato, la giornalista: ‘Confonde ruoli di reporter e pornostar’

SULLO STESSO ARGOMENTO

La vicenda della giornalista che ha accusato Rocco Siffredi di molestie sessuali si arricchisce di nuovi dettagli.

La cronista, rimasta anonima per tutela della privacy, ha parlato con MowMag di quanto accaduto. Ha affermato che i messaggi inviati dal pornoattore contenevano commenti più espliciti e sessisti di quanto fosse stato precedentemente rivelato.

Inizialmente, la giornalista aveva richiesto un’intervista a Siffredi prima della pubblicazione della serie “Supersex”. In primo luogo, Netflix le aveva detto che avrebbe dovuto aspettare la pubblicazione della serie prima di condurre l’intervista.

    Tuttavia, dopo il rifiuto di Netflix, Siffredi ha deciso di fare l’intervista. È in questo contesto che Siffredi avrebbe iniziato a fare commenti inappropriati riguardo all’aspetto della giornalista.

    Siffredi avrebbe continuato a fare commenti inappropriati durante l’intervista, che si svolgeva nella hall dell’Hotel Parco dei Principi. Dopo l’intervista, Siffredi avrebbe toccato la giornalista in modo inappropriato, come suggerito da un messaggio vocale mandato da Siffredi in seguito in cui diceva “quando ti stringevo non lo potevo dire troppo di più, però…”.

    Dopo l’intervista, tuttavia, Netflix avrebbe espresso la sua disapprovazione a Siffredi per motivi non noti alla giornalista. In seguito, la giornalista è stata chiesta di rimuovere alcuni elementi dell’intervista.

    Nonostante ciò, Siffredi avrebbe iniziato ad inviare alla giornalista una serie di messaggi offensivi, compresi insulti al suo lavoro. I commenti sono stati descritti dalla giornalista come “sessisti e da maschio alfa che denigra una donna”.

    In risposta ai messaggi, la giornalista ha deciso di presentare una denuncia e ha informato Netflix delle sue intenzioni. Siffredi avrebbe allora inviato una serie di messaggi di scuse, che secondo la giornalista si sono trasformati in una sorta di persecuzione. Nonostante le scuse, la giornalista ha continuato con la sua decisione di denunciare Siffredi, affermando che le donne in lavorazione devono essere rispettate.

    Nonostante alcune persone sui social media credano che la giornalista abbia denunciato Siffredi solo per ottenere visibilità, la giornalista intende continuare con le sue azioni legali. È rappresentata dall’avvocato Laura Sgrò e sostiene che la sua intervista è stata registrata e trascritta correttamente, e che Siffredi non aveva il diritto di insultarla, indipendentemente dal suo comportamento.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    A Caivano nuove assunzioni in Comune

    Il Comune di Caivano ottiene il via libera per nuove assunzioni: si tratta di 17 nuovi profili a tempo indeterminato. La Commissione Interministeriale per la Riqualificazione delle Pubbliche Amministrazioni ha accolto la richiesta dell'Ente, che potrà così potenziare alcuni servizi chiave come la ragioneria, i tributi e le manutenzioni. L'assunzione di...

    Pertosse allarme pediatri per boom ricoveri (+800%) e 3 morti tra neonati non vaccinati

    I pediatri italiani lanciano l'allarme per l'epidemia di pertosse che sta colpendo principalmente neonati e lattanti non vaccinati, causando già 3 morti da inizio anno. I ricoveri dei piccoli sono aumentati dell'800% rispetto allo scorso anno, con 110 ospedalizzazioni tra gennaio e maggio 2024, di cui oltre 15 in terapia...

    CRONACA NAPOLI