Napoli, protocollo d’intesa per la tutela dei beni culturali

SULLO STESSO ARGOMENTO

Oggi è stato siglato un protocollo d’intesa tra il Comune di Napoli, la Procura della Repubblica e la Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio dell’area metropolitana di Napoli.

L’obiettivo del protocollo è garantire la migliore tutela possibile al vasto patrimonio di beni culturali del Comune. Sarà avviato uno scambio di informazioni e interventi finalizzati a una gestione improntata a criteri di legalità e trasparenza per gli immobili e siti d’interesse archeologico, architettonico, artistico e storico di proprietà comunale.

Tra gli obiettivi delle attività previste dall’intesa figurano il contrasto alle condotte illecite di occupazione di immobili, la lotta alle attività edilizie abusive e il contrasto ad atti di danneggiamento di immobili o di oggetti d’arte e storico-artistici.

    Il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, ha sottolineato l’importanza di questa sinergia per il recupero di immobili e la tutela dei beni artistici e culturali nel centro storico della città.

    Con questa azione coordinata, si mira a preservare e valorizzare il patrimonio culturale di Napoli, con particolare attenzione alla tutela dei beni artistici e al recupero di immobili di interesse storico e culturale.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE