Napoli, appello del cantante Genny Mellone: “Chi sa qualcosa sulla morte di mio figlio, parli”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Vogliamo giustizia per Andrea. Chi ha visto “Qualcosa” dell’incidente il giorno 1 febbraio alle ore 22,45 su viale dei Ciliegi a Chiaiano, deve parlare”.

Inizia così l’accorato post di denuncia e di richiesta di auto da parte di Gennaro Mellone, noto come Genny molto ambienti della musica napoletana.

Il figlio 17enne Andrea Mellone morì quella dopo per le gravi ferite riportate nell’impatto nonostante i tentativi dei medici del Cardarelli di strapparlo alla morte.

    E ora Genny Mellone chiede: “Chi sa qualcosa deve avere il coraggio di testimoniare. Le indagini vanno avanti, ma vi prego basta omertà. Ve lo chiedo con il cuore in mano. Ve lo chiede la famiglia, gli amici e tutte le persone gli hanno voluto bene.

    Ve lo chiede soprattutto mio figlio Andrea con i suoi 17 anni e con i suoi sogni spezzati ancora in volo! Non è giusto! Non doveva andare così! Non cerchiamo vendetta, vogliamo solo la verità, chiediamo solo giustizia. Vi prego restiamo uniti, restiamo umani. Andrea era mio figlio… ma da quel giorno maledetto è anche vostro figlio!”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Novichok: cos’è l’arma chimica che ha avvelenato Alexei Navalny

    Il Novichok è  un veleno appartenente ad un gruppo di agenti nervini di quarta generazione sviluppati dall'Unione Sovietica negli anni '70 e '80. Sono...

    Forio, arrestato pusher 31enne

    Nel corso dei controlli pomeridiani a Forio, sull'Isola d'Ischia, la Polizia di Stato ha arrestato un 31enne in possesso di droga. Durante un'ispezione presso l'abitazione...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE