Clan Langella osannato sui social dopo l’arresto: “Meglio in carcere che pentiti”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Dopo l’arresto del boss Pasquale Langella “o’ scognato” e dei suoi luogotenenti, i social network sono diventati un terreno fertile per messaggi di sostegno al clan di Frattaminore. “Meglio carcerati che pentiti”, si legge nei commenti di familiari e sostenitori, che inneggiano ai “leoni” che hanno resistito alla tentazione di collaborare con la giustizia.

Video con la colonna sonora “Femmena d’onore” e frasi inneggianti alla camorra.

In alcuni video pubblicati online, si vedono immagini dei boss arrestati accompagnate da musica neomelodica che celebra la “femmena d’onore” e disprezza i pentiti, definiti “guappi di cartone”.

 I pentiti in un video social definiti “Guappi di cartone”

Borrelli: “Mentalità criminale dilagante, serve una legge contro l’apologia di camorra”.

Il deputato Francesco Emilio Borrelli, che ha ricevuto diverse segnalazioni sui post di sostegno al clan Langella, denuncia la gravità della situazione: “Commenti ed elogi abominevoli che raccontano di menti deviate e malate. E’ gente priva del concetto di legalità e incatenata alle regole della malavita. Una volta queste idee circolavano nell’ombra, ora invece lo fanno alla luce del sole sui social network. Serve una legge che punisca l’apologia di camorra, ma nonostante la serietà del problema, non ci viene ascolto.”

La pericolosa normalizzazione della camorra sui social network.

La diffusione di messaggi di sostegno ai clan sui social network rappresenta un fenomeno preoccupante che rischia di normalizzare la criminalità e di alimentare la cultura camorrista, soprattutto tra le nuove generazioni. È urgente contrastare questo fenomeno con misure adeguate, come l’introduzione di una legge specifica contro l’apologia di camorra, e con una maggiore attenzione da parte delle autorità competenti.

L’importanza di educare alla legalità e al rispetto delle regole.

Oltre all’aspetto repressivo, è fondamentale educare le nuove generazioni alla legalità e al rispetto delle regole, promuovendo valori sani e alternativi a quelli della camorra. La scuola, la famiglia e le istituzioni devono lavorare insieme per creare una società più giusta e libera dalla criminalità.

@riproduzione riservata


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

telegram

LIVE NEWS

Riciclaggio a Firenze, l’avvocato: “Pino Taglialatela estraneo”

Giuseppe Taglialatela, ex portiere del Napoli, noto come "Batman"...
DALLA HOME

Riciclaggio a Firenze, l’avvocato: “Pino Taglialatela estraneo”

Giuseppe Taglialatela, ex portiere del Napoli, noto come "Batman" e Alessandro Bigi, presidente dell'Ischia Calcio, sono tra gli indagati per un'inchiesta della Procura antimafia di Firenze su un presunto giro di riciclaggio di denaro. Secondo gli inquirenti, Bigi e Kamami, un albanese di 40 anni, sarebbero i capi di un'organizzazione...

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE