Sorrento, il depuratore di Marina Grande sarà dismesso a primavera del 2024

SULLO STESSO ARGOMENTO

Disattivazione del depuratore di Marina Grande: “in attesa di formalizzare il cronoprogramma delle azioni strutturali, è plausibile ipotizzare la conclusione dei lavori entro la primavera del 2024”. Questo è quanto afferma una nota congiunta dell’Assessore all’Ambiente del Comune di Sorrento e del Presidente del Consiglio Comunale, Luigi di Prisco.

“A meno di tre mesi dalla riunione tecnica congiunta, abbiamo avuto un incontro in sessione ristretta e informale con i dirigenti di Gori per fare una valutazione dello stato di avanzamento dell’intervento di disattivazione del depuratore di Marina Grande”, spiegano Di Leva e Di Prisco. “Abbiamo ricevuto conferma del piano di riparazione completa della condotta consortile e della conversione dell’impianto in un sistema di canalizzazione delle acque reflue e degli overflow a circa 400 metri dalla costa, a beneficio della salubrità del mare e della completa balneabilità del sito”.

Dopo la disattivazione dell’impianto, seguirà la riqualificazione dell’area interessata, in linea con la vocazione territoriale e la stima del fabbisogno economico, valorizzando l’identità socio-culturale del suggestivo borgo di Marina Grande.



    “La significativa diversificazione del profilo produttivo”, continuano Di Leva e Di Prisco, “presuppone la salvaguardia e la promozione delle attività di pesca, che da sempre costituiscono il mezzo di sostentamento per intere famiglie, oltre che l’essenza tipica del luogo. La promozione dello sviluppo territoriale è una priorità assoluta per noi, nell’agenda degli impegni politici, soprattutto con l’obiettivo di conciliare tradizione e innovazione entro una prospettiva di intervento a lungo termine”.

    In conclusione, i due rappresentanti istituzionali hanno dichiarato: “L’approccio strategico multidisciplinare e interistituzionale con cui è stata affrontata questa questione ha prodotto risultati positivi per Sorrento e per l’intera Penisola Sorrentina. Si tratta di una sinergia importante fra enti che dovrebbe essere costante per il bene comune”.

    @riproduzione riservata




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    A più voci: al via, la V edizione della rassegna polifonica della Fondazione Pietà de’ Turchini

    La quinta edizione di A più voci, rassegna polifonica curata dalla Fondazione Pietà de' Turchini, prende il via venerdì 1° e sabato 2 marzo all'interno della stagione Frequenze inaudite. L'obiettivo è valorizzare il repertorio polifonico, unendo realtà artistiche diverse in 3 concerti in 2 giorni. I protagonisti includono l'Ensemble Vocale di Napoli, il CorAle Femminile Aureliano e il Coro Musicanova, ognuno con un programma musicale unico. Gli eventi si terranno presso la Chiesa di...

    Regione Campania parte civile per la morte sul lavoro a Pratola Serra

    Mentre a Pomigliano d'Arco si celebra la presentazione della nuova Pandina, con la speranza di un futuro più sicuro per lo stabilimento, non possiamo dimenticare la tragedia avvenuta una settimana fa a Pratola Serra, dove Domenico Fatigati ha perso la vita nello stabilimento Stellantis. La Regione Campania si costituirà parte civile nel processo per la morte di Fatigati, su iniziativa dell'assessore Marchiello e del consigliere regionale del Pd Massimiliano Manfredi, estensore della modifica alla legge...

    Avellino, cerca di portare figlia all’estero: fermata dai Carabinieri

    Una madre di origini straniere è stata fermata mentre cercava di portare la figlia di 4 anni all'estero, a Montefusco, in provincia di Avellino. Tutto è iniziato quando il marito ha segnalato alle autorità di essersi allontanato per qualche giorno e al suo ritorno aver scoperto il tentativo della moglie di lasciare il Paese con la bambina. I Carabinieri della Compagnia di Mirabella Eclano sono intervenuti prontamente, identificando il veicolo e il conducente coinvolti nel tentativo...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE