Napoli, truffa una ragazza fingendosi operatrice delle Poste

SULLO STESSO ARGOMENTO

Una donna di 45 anni, residente nella provincia di Napoli, è stata denunciata dai carabinieri per truffa aggravata. La donna, in concorso con un uomo tuttora in fase di identificazione, avrebbe truffato un giovane di Cannara (Perugia) di circa mille euro.

La truffa è avvenuta online. La donna ha inviato un messaggio di “alert” alla vittima, in cui si spacciava per un’operatrice delle Poste Italiane. Il messaggio avvertiva la vittima di una presunta attività fraudolenta sul suo conto corrente e la invitava a compilare un modulo per verificare la situazione.

La vittima, ingannata dal messaggio, ha compilato il modulo e ha fornito alla donna i propri dati di accesso al portale home banking. La donna ha quindi contattato telefonicamente la vittima e l’ha convinta ad eseguire un versamento di circa 1.000 euro, spiegandogli che era necessario per mettere in salvo il denaro presente sul conto prima che potesse essere prelevato da potenziali truffatori.



    Le indagini condotte dai carabinieri hanno consentito di individuare il conto in uso ai truffatori. E’ stato anche scoperto che la carta Postepay su cui confluiva il denaro era stata clonata ai danni di una giovane donna residente nel Salernitano.

    La quarantacinquenne è stata quindi denunciata in stato di libertà per truffa aggravata.

    Consigli per evitare le truffe online

    Ecco alcuni consigli per evitare di essere truffati online:

    Non rispondere a messaggi o e-mail che provengono da numeri o indirizzi sconosciuti.
    Non fornisci mai i tuoi dati personali o bancari a persone che non conosci.
    Diffida delle offerte troppo allettanti.
    Tieni aggiornato il tuo software antivirus e antimalware.
    Se ricevi un messaggio o un’e-mail sospetta, contatta la tua banca o le forze dell’ordine.

    @riproduzione riservata




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Camorra, 50 anni di carcere per il racket del pane ai nuovi Lo Russo di Miano

    I nuovi capi del clan Lo Russo di Miano, accusati di estorsione aggravata, per il cosiddetto racket del pane hanno incassato 50 anni di carcere. Lee condanne hanno riguardato Salvatore Di Vaio, 48 anni, detto "Totore o' Cavallo",  Alessandro Festa, 24 anni, Cosimo Napoleone, 33 anni, Fabio Pecoraro, 26 anni, Giovanni Perfetto, 59 anni, detto "o' mostr ("il mostro", ndr) e Raffaele Petriccione, 25 anni, detto "Raffaele o' pazz" sono stati condannati a 7 an...

    Giugliano, tocca un cavo scoperto: giovane rom di 21 anni muore folgorato

    Un giovane di 21 anni residente nel campo rom di Scampia è morto folgorato, dopo essere stato trasportato senza vita al pronto soccorso dell'ospedale San Giuliano di Giugliano dai suoi amici. Nonostante i tentativi di rianimazione da parte del personale medico, purtroppo non c'è stato nulla da fare. Gli agenti del commissariato di polizia di Giugliano sono intervenuti presso il nosocomio di via Basile e un'indagine sarà aperta per fare luce sulla vicenda. Al momento non...

    Napoli, incendio in un cantiere in piazza Duca degli Abbruzzi

    Ieri sera, il nucleo radiomobile dei carabinieri di Napoli è intervenuto in piazza Duca degli Abruzzi, dove si è sviluppato un incendio all'interno di un cantiere di fronte all'ex mercato ittico.   Le fiamme hanno coinvolto alcune tubature in plastica, ma fortunatamente non ci sono stati feriti, grazie all'intervento tempestivo dei vigili del fuoco. Al momento sono in corso indagini per determinare l'origine e la dinamica dell'incendio, considerando tutte le ipotesi possibili. L'allarme è stato lanciato dai...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE