L'INIZIATIVA

Napoli, tornano nello spazio gli esperimenti ReADI realizzati nei laboratori di Gianturco

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nei giorni scorsi la NASA ha dato il via libera ai lanci sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) dei minilaboratori MiniLab 1.0 contenenti gli esperimenti ReADI Second Phase e ORION e realizzati dal Gruppo Space Factory /ALI SpA nei laboratori Officine dello Spazio del Polo Tecnologico Fabbrica dell’Innovazione. Nel corso del 2024 sono previsti i seguenti lanci.

Il 9 gennaio sarà la volta del MiniLab 1.0 contenete l’esperimento ORION, seconda fase di OVOSPACE già lanciato lo scorso 7 novembre del 2022. Curato dal team di scienziati del Dipartimento di Medicina Sperimentale dell’Università La Sapienza di Roma, coordinato dal Prof. Mariano Bizzari, è stato finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) con l’obiettivo di studiare i processi di morfogenesi, ed in particolare quelli legati alla maturazione in microgravità degli ovociti ed alle prime fasi dello sviluppo embrionale.

Aspetti importanti per lo sviluppo di terapie contro l’infertilità e per garantire salute e benessere di futuri equipaggi che parteciperanno a missioni di insediamento umano e di lunga permanenza nello Spazio. ORION è tra gli esperimenti italiani selezionati nell’ambito della missione spaziale AX-3 su ISS guidata dal Colonello Walter Villadei.

Segue il 29 gennaio il lancio del MiniLab 1.0 contenente ReADI Second Phase, seconda fase dell’esperimento ReADI First Phase, lanciato nel 2021 e curato dal Prof. Geppino Falco del Dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi di NapoliFederico II” sulla prevenzione dell’osteoporosi nei voli spaziali.

Allo sviluppo dell’esperimento hanno partecipato inoltre: il centro di ricerca scientifica BioGeM, la società Erbagil e la società sportiva Napoli Basket, quest’ultima interessata ai risultati dell’esperimento per una loro futura applicazione in ambito sportivo. L’esperimento ReADI First Phase è stato finanziato dalla Regione Campania nell’ambito del POR FESR CAMPANIA 2014/2020- Asse Prioritario 1 “Ricerca e Innovazione” e da BCC Napoli.

Le attività di logistica dei voli di ORION e ReADI-SP saranno eseguite dalla società NANORACKS Europe. Ad agosto, infine, sarà lanciato SPACE SLIME, un esperimento finanziato dall’ASI che studierà gli effetti dell’ambiente spaziale in condizioni di microgravità sul comportamento e la crescita di un fungo (P. polycephalum).

L’esperimento sarà realizzato nel minilaboratorio MiniLab 2.0, evoluzione del modello attuale che ne permetterà il controllo e la gestione da remoto. Il successo degli esperimenti nei MiniLab e, nel 2022 della missione sub orbitale del micro satellite MIFE, certificano l’intesa attività industriale del Gruppo Space Factory /ALI SpA che, con la controllata Marscenter, l’Università di Napoli Federico II, il Centro Italiano Ricerche Aerospaziali – CIRA ed il network di imprese associate al Distretto Aerospaziale della Campania, consentono al comparto spaziale della Campania di porsi quale riferimento scientifico e tecnologico nella progettazione e realizzazione di sistemi innovativi di rientro dallo Spazio nonché nella ricerca in condizioni di microgravità.

Nel 2024/primo semestre 2025 sarà lanciato IREOS 0, prima missione orbitale del Programma IRENESAT-ORBITAL di micro satelliti con capacità di rientro programmato grazie all’utilizzo della tecnologia proprietaria IRENE® e con due MiniLab 2.0 quali carichi utili, attivando così il primo servizio commerciale di esperimenti scientifici in condizioni di microgravità.

Per la realizzazione di IREOS 0 è previsto un investimento di 2,5 Milioni di euro, da parte della società Space Factory, coordinatore del Programma. Banca Intesa SanPaolo lo ha finanziato per 2 MLI euro con lo strumento Nova +.




LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Sprofondamento su Via Kerbaker a Napoli: breve chiusura stradale

Nel quartiere collinare del Vomero a Napoli, si è verificato un piccolo sprofondamento su Via Kerbaker a seguito di lavori recenti. La strada è stata temporaneamente chiusa per consentire verifiche. Non sono state rilevate perdite d'acqua nel terreno e una volta completati i controlli necessari, la strada è stata riaperta al traffico.

Dehors abusivi nel Centro Direzionale di Napoli: sequestri e sanzioni

Il reparto operativo San Lorenzo del Comune di Napoli ha scoperto tre attività di somministrazione nel Centro Direzionale che avevano installato dehors abusivi di dimensioni comprese tra i 40 e i 100 metri quadrati. Queste strutture, non autorizzate, erano completamente chiuse su tutti e quattro i lati e erano accessoriate con tavoli, sedie, sistemi audio-video, illuminazione a led e climatizzazione. Gli agenti hanno proceduto al sequestro penale delle strutture e i proprietari sono stati denunciati per...

Torre Annunziata, omicidio davanti alla chiesa: chiesto l’ergastolo per i killer di Francesco Immobile

I pubblici ministeri della Dda di Napoli hanno chiesto l'ergastolo per i due killer di Francesco Immobile, 35enne ucciso a Torre Annunziata il 12 settembre 2021. L'omicidio avvenne in pieno giorno, sul sagrato della chiesa di Sant'Alfonso de Liguori, davanti agli occhi di numerosi fedeli e del figlio di Immobile. Le prove schiaccianti contro i due imputati, Pietro Pallonetto e Gaetano Izzo, includono il DNA di uno dei killer trovato sul casco utilizzato durante l'agguato, un...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE