Sequestrata discarica abusiva a cielo aperto nel Beneventano

SULLO STESSO ARGOMENTO

Le fiamme gialle del comando provinciale di Benevento, nell’ambito dei controlli di polizia ambientale, hanno sequestrato una superficie adibita abusivamente a discarica di rifiuti.

In particolare, i militari del nucleo di polizia economico finanziaria, hanno individuato un’area di circa 20.000 mq, costituita da un fabbricato industriale di cemento non ultimato circondato da terreno incolto, sito in un comune della provincia di Benevento, all’interno del quale sono stati ammassati diversi rifiuti, nello specifico: computer, televisori, pneumatici, frigoriferi, mobili dismessi, pannelli di poliuretano espanso, residui di combustione, tubi di plastica, pannelli di amianto e materiale elettrico.

Inoltre, nell’area, adibita a deposito incontrollato di rifiuti a cielo aperto, risultano presenti anche cinque vasche dalla significativa profondità e larghezza, di cui una con presenza di acqua sul fondo, prive di qualsiasi forma di messa in sicurezza essendo, tra l’altro, tutte senza copertura.



    Tutta l’area è da ritenersi pericolosa per l’incolumità di persone ed animali che entrassero nell’area posta sotto sequestro. Non da ultimo, giova evidenziare che la zona sequestrata è inserita in un contesto ambientale fatto da terreni coltivati e non, civili abitazioni e persino un corso d’acqua.

    La presenza di questi materiali, abbandonati da soggetti ignoti, costituisce fattispecie penalmente rilevante ai sensi del Testo Unico in materia di tutela ambientale. Per questi motivi, è stata inoltrata, alla competente Autorità Giudiziaria, apposita comunicazione di notizia di reato nei confronti di ignoti, mentre l’area adibita a discarica abusiva è stata sottoposta a sequestro preventivo.

    @riproduzione riservata




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, 21enne accoltellato da un uomo vicino alla metro Montedonzelli

    Stamattina, in via Castellino all'altezza della fermata della metro linea 1 “Montedonzelli”, si è verificato un grave episodio. Un uomo di circa cinquant'anni ha estratto un coltello e ha colpito alla gola un giovane di 21 anni, presente sul posto con altri ragazzi. Il ferito è stato prontamente soccorso dal personale del 118 e trasportato al Cardarelli di Napoli, dove attualmente sta ricevendo le cure necessarie. Fortunatamente, le sue condizioni non destano preoccupazione per la sua...

    Casa, il presidente ingegneri di Roma: bene proposta legge Lazio su abitabilità seminterrati

    "La Regione Lazio sta compiendo progressi significativi nelle politiche abitative, cercando da un lato di regolarizzare le situazioni esistenti, come i seminterrati già abitati, attraverso la proposta di legge in discussione nella commissione regionale Politiche abitative. Dall'altro, si sta indirizzando verso la sostenibilità ambientale, creando spazi abitativi senza intaccare il suolo. Questo strumento legislativo è positivo in quanto permetterà la regolarizzazione delle situazioni esistenti e la creazione di spazi abitabili senza impatto ambientale", ha...

    Trenitalia cambia norme su treni frecce: ammessi solo due bagagli a persona. Federconsumatori protesta

    Le nuove regole introdotte da Trenitalia a partire dal primo marzo, che riguardano bagagli e il trasporto di biciclette e monopattini sulle frecce, sono oggetto di critiche da parte di Federconsumatori. L'associazione sostiene che tali modifiche "penalizzano i passeggeri e la mobilità green" e chiede a Trenitalia di riconsiderare tali disposizioni. Federconsumatori si riserva anche il diritto di impugnare queste modifiche nelle sedi opportune, contestando sia il comportamento dell'azienda che la presunta illegittimità delle...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE