Blitz anti camorra nell’Agro Nocerino: 23 arresti

Un blitz anticamorra ha spazzato via all'alba di oggi...

La sorella di Giulia contro Salvini: “La sua è violenza di Stato”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Ministro dei Trasporti che dubita della colpevolezza di Turetta perché bianco, perché ‘di buona famiglia’. Anche questa è violenza, violenza di Stato”.

Lo scrive in una storia su Instagram la sorella di Giulia Cecchettin, Elena, commentando il post di Matteo Salvini in cui scrive, riferendosi all’arresto di Turetta in Germania, ‘se colpevole, nessuno sconto di pena e carcere a vita’.

PUBBLICITA

Nella storia, Elena cita un post della scrittrice a attivista Carlotta Vagnoli nel quale quest’ultima ricorda che la Lega “insieme a FdI, che però ha scelto l’astensione, a maggio ha votato contrariamente alla ratificazione della convenzione di Istanbul”.

“Così – conclude -, nel caso voleste altri motivi per comprendere quanto il femminicidio sia un omicidio di Stato”. In una storia successiva, invece, Elena Ceccettin invita i suoi follower a partecipare alla manifestazione indetta per domani alle 19:30 a Porta Portello, a Padova, contro la violenza sulle donne e durante la quale sarà anche ricordata Giulia.

“io non staro’ mai zitta. Non mi farete mai tacere”

Elena Cecchettin, che sin dalla scomparsa della sorella Giulia aveva sospettato dell’ex fidanzato Filippo Turetta, ha poi aggiunto, citando la scrittrice Carlotta Vagnoli: “Ministro il cui partito (insieme a FdI, che pero’ ha scelto l’astensione), a maggio ha votato contrariamente alla ratificazione della convenzione di Istanbul.

Cosi’, nel caso voleste altri motivi per comprendere quanto il femminicidio sia un omicidio di Stato”. In una precedente storia su Instagram, la sorella Elena aveva scritto, “io non staro’ mai zitta. Non mi farete mai tacere”.

Salvini poi cerca di riparare alla gaffe: “La colpevolezza di Filippo è evidente a me e a tutti”

In un post successivo alle polemiche, il vice premier scrive su Instagram: “Per gli assassini carcere a vita, con lavoro obbligatorio. Per stupratori e pedofili, di qualunque nazionalità, colore della pelle e stato sociale, castrazione chimica e galera.

Questo propone la Lega da sempre, speriamo ci sostengano e ci seguano finalmente anche altri. Ovviamente, come prevede la Costituzione, dopo una condanna stabilita in tribunale augurandoci tempi rapidi e nessun buonismo, anche se la colpevolezza di Filippo pare evidente a me e a tutti”.


CLICCA QUI PER VEDERE ALTRI VIDEO

googlenews
facebook


I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE