Omicidio di Giulia Cecchettin, la Procura di Venezia apre inchiesta sull’intervento dei carabinieri

SULLO STESSO ARGOMENTO

La Procura di Venezia sta svolgendo accertamenti sui soccorsi dopo che un uomo chiamo’ il 112 per denunciare una lite in corso in via Aldo Moro, a Vigonovo, tra due persone che poi si rivelarono essere Filippo Turetta e Giulia Cecchettin.

In particolare, e’ da chiarire se una pattuglia dei carabinieri si mosse per intervenire, come dovrebbe avvenire in questi casi.

La sera di sabato 11 novembre i Carabinieri non inviarono una pattuglia a Vigonovo dopo l’allarme al 112 di un vicino dei Cecchettin su un litigio in corso in un parcheggio, il luogo dove ci fu la prima aggressione di Filippo a Giulia.



Il particolare trova conferma in ambienti vicini all’inchiesta. Nell’ordinanza del Gip non c’è traccia dell’intervento di pattuglie quella sera. Al 112 il testimone (ore 23.18) disse di aver sentito urlare “mi fai male”, e visto un uomo calciare una figura terra ma non riuscì a prendere la targa dell’auto. L’indagine scattò domenica, dopo la denuncia di scomparsa di Giulia presentata dal papà.

 La Procura di Venezia acquisisce anche la telefonata del testimone

Ed è per questo motivo che sarà acquisita dalla Procura della repubblica di Venezia la registrazione della chiamata del testimone che, la sera dell’11 novembre scorso, chiamò il 112 per segnalare una lite nel parcheggio di Vigonovo, che poi si è rivelata essere la prima aggressione di Filippo Turetta a Giulia Cecchettin.

Il giorno successivo il padre aveva presentato denuncia di scomparsa alla tenenza di Vigonovo. Dopo la segnalazione è stato appurato che nessuna pattuglia raggiunse il luogo della lite.

Durante la telefonata – secondo quanto si è appreso – il testimone non sarebbe tuttavia stato in grado di dare indicazioni precise, per esempio l’accenno a un’auto di “colore scuro”, cosicché non sarebbe stato ritenuto urgente un intervento.

Quando in seguito si è passati alla fase dei controlli puntuali, gli investigatori sono intervenuti, andando anche alla ricerca delle macchie di sangue nel parcheggio vicino a casa di Giulia, che in una fase iniziale erano state tralasciate.




5 Commenti

  1. Forse il testimone non ha fornito abbastanza informazioni, ma è comunque strano che nessuna pattuglia sia stata inviata

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Oroscopo di oggi 24 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 24 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno Ariete: oggi potresti sentirti particolarmente energico e determinato a raggiungere i tuoi obiettivi. È il momento ideale per mettere in pratica le tue idee e per concentrarti sulle tue passioni. Toro: potresti sentirti un po' confuso riguardo alle tue priorità e ai tuoi obiettivi. È importante prenderti del tempo per riflettere e per capire cosa è veramente importante per te. Gemelli: oggi potresti essere...

Traffico illecito di rifiuti: arrestati funzionario della Regione Campania e 14 imprenditori

C'è anche un funzionario della Regione Campania tra i 16 arrestati nell'inchiesta congiunta di Dia e Noe sul traffico illecito di rifiuti tra Campania e Tunisia. Le indagini sono partite da Polla, in provincia di Salerno, per poi coinvolgere i vertici della Regione Campania. Oltre ai funzionari coinvolti, diversi imprenditori del settore rifiuti sono stati posti in stato di fermo. Sono stati sequestrati beni di almeno tre aziende attive nello stoccaggio di rifiuti. L'indagine ha preso...

Camorra, 50 anni di carcere per il racket del pane ai nuovi Lo Russo di Miano

I nuovi capi del clan Lo Russo di Miano, accusati di estorsione aggravata, per il cosiddetto racket del pane hanno incassato 50 anni di carcere. Lee condanne hanno riguardato Salvatore Di Vaio, 48 anni, detto "Totore o' Cavallo",  Alessandro Festa, 24 anni, Cosimo Napoleone, 33 anni, Fabio Pecoraro, 26 anni, Giovanni Perfetto, 59 anni, detto "o' mostr ("il mostro", ndr) e Raffaele Petriccione, 25 anni, detto "Raffaele o' pazz" sono stati condannati a 7 an...

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE