Afragola, topi a scuola: il sindaco dispone la derattizzazione

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Io non ero a conoscenza della gravità della situazione: mi è stato comunicato che c’era un problema, e ho immediatamente disposto la derattizzazione e la sanificazione, ma non mi era stata specificata l’entità, e soprattutto non mi era stato comunicato che i topi erano ancora presenti.”

È quanto sottolineato dal sindaco di Afragola in merito alla persistente presenza di topi in una scuola della città, denunciata nei giorni scorsi, anche da alcune madri degli studenti più piccoli.

Dopo un primo intervento disposto qualche giorno fa, si è reso necessario un secondo intervento, che ha comportato la chiusura dell’istituto per un giorno, e sembra che ora la situazione si sia normalizzata. Nei giorni precedenti, una madre aveva pubblicato un post sui social media per evidenziare i pericoli a cui era esposto suo figlio.

    “Sono giorni che non mando mio figlio a scuola”, ha dichiarato la donna di nome Noemi. “Hanno effettuato una prima derattizzazione la settimana scorsa, catturando alcuni topi, ma un operaio della ditta che è intervenuta ci ha detto fuori dalla scuola che la situazione era abbastanza seria e che ce n’erano altri. Nonostante ciò, la scuola ha inviato una circolare dichiarando che i bambini potevano rientrare regolarmente in classe.”

    Il sindaco ha ringraziato la signora Noemi per averlo informato, sottolineando l’importanza della collaborazione tra cittadini e istituzioni per risolvere il problema. Ha espresso la certezza che, risolto il problema, i bambini potranno rientrare a scuola in sicurezza e che i genitori potranno essere tranquilli. “L’importante è che nessun bambino abbia avuto problemi,” ha concluso il sindaco Pannone.



    1 commento

    1. Brava signora Noemi , i bambini dovrebbero stare al sicuro nella scuola invece si sentono sempre più casi del genere soprattutto per quanto concerne le mense. Sig. Sindaco diamo un elogio a questa Signora , come Mamma soprattutto.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Blitz a Pomigliano d’Arco: armi e droga, indagata famiglia peruviana

    A Pomigliano d'Arco, i carabinieri della stazione locale hanno condotto un blitz presso un'abitazione situata in via Mauro Leone. L'operazione ha coinvolto un'intera famiglia...

    Fuori venerdì 23 febbraio ‘Realness’, il nuovo singolo di Cecchy

    Nuovo singolo di Cecchy "Realness" in uscita venerdì 23 febbraio "Cecchy continua a raccontare la complessa realtà del quartiere di Ponticelli con il suo...

    Napoli, “Se non mi date i soldi vi uccido”, 5 studenti minacciati con un coltello da un presunto camorrista

    Nella recente rapina avvenuta a Napoli, 5 studenti ventenni sono stati minacciati da un individuo mentre si preparavano a riprendere l'auto parcheggiata in via...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE