IL FATTO

Tentato omicidio prima della partita tra Napoli e Salernitana, assolto 34enne

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il gup di Napoli Nicoletta Campanaro ha assolto dall’accusa di tentato omicidio il 34enne Mattia Legnante finito sotto processo per avere ferito con un oggetto appuntito un uomo, Gianpaolo Ferraro, poco prima dell’inizio di Napoli-Salernitana disputata lo scorso 30 aprile. Legnante (che dopo l’arresto riuscì ad ottenere i domiciliari) è stato invece condannato a due anni e sei mesi ma per il reato di lesioni personali.

Per l’ipotesi di accusa di tentato omicidio la Procura di Napoli ha chiesto dieci anni di reclusione. L’avvocato Vincenzo Strazzullo, legale di Legnante, ha dimostrato al gup che il 34enne, durante i festeggiamenti pre-partita, venne accerchiato mentre era in auto da un gruppo di tifosi festanti.

Ne è così nata una lite alla fine della quale Legnante ha sferrato con la sua chiave di accensione della vettura, diversi colpi al torace della vittima, ferendola in maniera grave. L’autorità giudiziaria ha anche disposto la libertà dell’imputato. E’ stato condannato a due anni e sei mesi ma per il reato di lesioni personali.



LIVE NEWS

Don Patriciello: “De Luca non mi ha dato la mano, ma l’avrei ignorato”

Alla domanda se il governatore della Campania lo abbia...
DALLA HOME

Tragedia in Valtellina: morti tre giovani finanzieri

Tragedia in Valtellina: 3 giovani finanzieri del Sagf perdono la vita durante un'esercitazione in montagna. Un'esercitazione di addestramento si è trasformata in tragedia questa mattina in Valtellina, dove tre giovani militari del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza (Sagf) hanno perso la vita precipitando da una parete rocciosa. I tre alpini,...

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE