Napoli, va al bar della stazione e paga con una banconota falsa: arrestato

SULLO STESSO ARGOMENTO

Ieri gli agenti della squadra di P.G. del Compartimento Polizia Ferroviaria per la Campania, impegnato nei servizi di vigilanza e controllo in ambito ferroviario nella stazione di Napoli Centrale, hanno arrestato M.C., 50enne napoletano con precedenti di polizia, per spendita di monete falsificate.

In particolare, l’uomo, dopo aver acquistato dei beni in un bar della stazione  per un valore commerciale di 10 euro, ha pagato con una banconota da 50 euro ricevendo 40 euro come resto.

I poliziotti, conoscendo il soggetto come persona dedita a tale attività illecita, lo hanno monitorato a distanza per poi fermarlo all’uscita del bar trovandolo in possesso di una banconota da 50 euro e due banconote da 20 euro appena ricevute dalla cassiera del bar.



    Successivamente gli operatori si sono recati nell’esercizio commerciale e si sono fatti  consegnare la banconota da 50 euro; entrambe le banconote da 50 euro, fatte analizzare da personale specializzato dell’Arma dei Carabinieri, sono risultate falsificate, pertanto l’uomo è stato arrestato.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Camorra, 50 anni di carcere per il racket del pane ai nuovi Lo Russo di Miano

    I nuovi capi del clan Lo Russo di Miano, accusati di estorsione aggravata, per il cosiddetto racket del pane hanno incassato 50 anni di carcere. Lee condanne hanno riguardato Salvatore Di Vaio, 48 anni, detto "Totore o' Cavallo",  Alessandro Festa, 24 anni, Cosimo Napoleone, 33 anni, Fabio Pecoraro, 26 anni, Giovanni Perfetto, 59 anni, detto "o' mostr ("il mostro", ndr) e Raffaele Petriccione, 25 anni, detto "Raffaele o' pazz" sono stati condannati a 7 an...

    Traffico rifiuti, tre funzionari della regione Campania coinvolti: 16 indagati. Tutti i nomi

    Sono tre i funzionari della Regione Campania indagati nella maxi inchiesta sul presunto traffico illegale di rifiuti tra Italia e Tunisia che aveva come base operativa il porto di Salerno. Uno dei tre funzionari è stato arrestato e posto ai domiciliari. Si tratta del 66enne  salernitano Vincenzo Andreola. Provvedimento analogo degli arresti in casa è stato notificato anche a Antonio Cancro, 53 anni, Innocenzo Maurizio Mazzotta, 62 anni, Ciro Donnarumma, 44 anni, Federico Palmieri, 27...

    Giugliano, tocca un cavo scoperto: giovane rom di 21 anni muore folgorato

    Un giovane di 21 anni residente nel campo rom di Scampia è morto folgorato, dopo essere stato trasportato senza vita al pronto soccorso dell'ospedale San Giuliano di Giugliano dai suoi amici. Nonostante i tentativi di rianimazione da parte del personale medico, purtroppo non c'è stato nulla da fare. Gli agenti del commissariato di polizia di Giugliano sono intervenuti presso il nosocomio di via Basile e un'indagine sarà aperta per fare luce sulla vicenda. Al momento non...

    Napoli, il video di sfida allo Stato costa caro a Giusy Valda: arrestata

    Due video: due sfide allo Stato. Pur sapendo di non poterlo fare. Era agli arresti domiciliari e da oggi pomeriggio potrà sfoggiare il suo...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE