Aversa, uccise ragazzino di 14 anni: chiesti 10 anni di carcere

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il sostituto procuratore generale di Napoli Paola Correra ha chiesto dieci anni di carcere per il 27enne Agostino Veneziano, residente a San Marcellino, in provincia di Caserta, che il 7 aprile del 2013 in piazza Bellini ad Aversa, quando aveva 17anni, ha ucciso il 14enne Emanuele Di Caterino.

La richiesta di pena è avvenuta durante la requisitoria tenutasi nel corso del processo di appello. La prossima udienza su terrà il 6 luglio prossimo, quando la difesa dell’imputato farà la propria arringa e quindi ci sarà la sentenza.

La mamma di Emanuele Di Caterino, Amalia Di Iorio (costituitasi parte civile nel processo e rappresentata dall’avvocato Maurizio Zuccaro), prima che iniziasse il processo, auspicò che lo Stato punisse “chi ha sbagliato, altrimenti che esempio diamo ai giovani”.

    Un auspicio dovuto alla circostanza che il 27enne Veneziano fosse ancora libero a dieci anni dal fatto. “Vedere l’assassino di mio figlio che cammina a testa alta e passa anche davanti casa, è qualcosa di terribile” disse Amalia.

    Veneziano è infatti passato quasi indenne da cinque processi – fece pochi mesi di carcere – visto che il processo di primo grado svoltosi nel 2014 con rito abbreviato davanti al giudice monocratico del tribunale dei minori, che lo condannò a 15 anni, fu poi annullato dalla Corte di Appello che ritenne che il processo si sarebbe dovuto svolgere davanti al tribunale in composizione collegiale.

    Al termine del nuovo processo di primo grado, l’imputato fu quindi condannato ad otto anni, poi a 10 anni in appello con verdetto annullato ad inizio 2023 dalla Corte di Cassazione, che ha rinviato gli atti ad una nuova sezione della Corte di Appello di Napoli per il sesto processo, che è iniziato il 4 maggio scorso.

    Processo nel corso del quale i giudici di secondo grado sono chiamati a motivare meglio in relazione al diniego della legittima difesa invocata dai legali di Veneziano; in teoria potrebbe esserci anche un settimo processo per un eventuale altro passaggio, a quel punto definitivo, in Cassazione.

    Amalia in questi anni ha scritto lettere e appelli affinchè l’assassino del figlio fosse ristretto in carcere, ha parlato in Parlamento e a tanti ragazzi nelle scuole contro il bullismo. “Agli altri miei tre figli – ha detto – non ho mai fatto pesare la mia battaglia per avere giustizia, ma loro mi chiedono, e me lo chedo anch’io, qual è il senso di avere tanto battagliato nelle aule di giustizia se ancora giustizia non è stata fatta?”




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Oroscopo di oggi 25 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 25 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno Ariete: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

    Napoli, lettere minatorie dal carcere di Spoleto ai proprietari di una casa occupata abusivamente a Sant’Erasmo

    Una famiglia residente a Sant'Erasmo, Napoli, ha segnalato al deputato Francesco Emilio Borrelli un caso di occupazione abusiva protrattasi nel tempo. La donna coinvolta ha...

    Napoli, 11 strade a rischio crollo nella Municipalità 5

    Ci sono ben 11 strade a rischi crollo nella zona della Municipalità 5 di Napoli. La presidente Milena Cozzolino, dopo la voragine davanti al...

    Camorra, il boss pentito Pasquale Cristiano: “Ci fu un summit di 30 persone per decidere di eliminarci”

    La faida di camorra che nei mesi scorsi ha insanguinato le strade di Arzano e dei comuni vicini aveva trovato il suo apice nel...

    Agguato a Scampia: feriti il capo piazza Giancarlo Possente e un amico

    I feriti sono Giancarlo Possente, capopiazza alla "33" per conto degli Abbinante e Pasquale Parziale ritenuto vicino alla Vanella Grassi

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE