Valentina Romani da Mare Fuori a Cannes

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Ho cominciato a lavorare a 18 anni, prima ancora in piccolissime parti, ho sempre avuto il sogno di fare l’attrice e guai a chi mi sveglia”, dice Valentina Romani.

Romana, classe 1996, ha esordito da protagonista nel 2016 con Un bacio, diretta da Ivan Cotroneo, poi la tv l’anno dopo con la fiction Rai La Porta Rossa, ma è con Mare Fuori, la serie fenomeno degli ultimi anni che Romani è esplosa, baciata dal successo condiviso con gli altri protagonisti giovani come lei o ancora di più, da Massimiliano Caiazzo a Matteo Paolillo, da Giacomo Giorgio a Nicolas Maupas per citare solo alcuni.

È una dei 30 talenti segnalati da Forbes Italia. Sarà – “fibrillante” – al festival di Cannes con due film: è la figlia di Nanni Moretti nel Sol dell’Avvenire in concorso per la Palma d’oro ed è la voce italiana di Ember Lumen, una brillante ragazza di fuoco nel film Pixar-Disney Elemental che chiuderà Fuori Concorso.



    “Il successo in sala di Moretti riempie di gioia, è un bel segnale. Come è Nanni sul set? Certamente un regista esigente e a me questo va benissimo, la considero una caratteristica positiva perché anche io sono super esigente con me stessa e quando torni a casa dal set dopo giornate come quelle passate sul Sol dell’Avvenire c’è felicità. Nanni è protettivo, ma anche molto ironico, ci sono stati momenti divertenti durante le riprese e nella Moretti family mi sono sentita felicemente accolta”.

    Moretti sapeva di Mare Fuori? “Gliene avevo parlato durante il provino, ma se ha visto la serie davvero non saprei, non vorrei creare un caso”, scherza. Quanto ad Elemental, “è un sogno da bambina, ancora non mi capacito che si sia avverato: il mondo dell’animazione di Disney e della Pixar è parte di una cosa che mi ha fatto crescere, ci sono titoli che ancora mi emozionano, non hanno età”.

    Inutile girarci intorno, come si sopravvive ad uno tsunami di popolarità come Mare Fuori? “Ci si surfa sopra”, risponde. “È una serie che ci ha dato successo ma non è un caso, parla senza filtri ai giovani e anche ai genitori, racconta gli inciampi e le speranze di inseririsi nella società.

    E poi c’è il gruppo, il nostro cerchio magico costruito soprattutto durante le riprese della prima stagione, quando oltre agli attori di Napoli, spesso alla prima esperienza, c’erano anche come me giovani fuori sede, abbiamo passato tanto tempo insieme anche fuori dal set, siamo diventati spalla uno dell’altro, si è creata molta chimica preziosa e per niente scontata e questo anche è un elemento del successo di questa serie”.

    In Mare Fuori interpreta Naditza, una giovane rom, una etnia davvero poco vista in tv: “Devo tantissimo a lei, è il simbolo che tutto è possibile, lei è l’unica che vuole stare dentro l’Ipm, sta meglio lì che nel suo mondo dove il padre vuole darla in sposa ad un parente sconosciuto e più grande. Nella realtà accade, lo sappiamo, e io ho sentito la responsabilità di raccontare queste adolescenti che ascoltano i loro bisogni e si battono per la propria libertà. Naditza una specie di Trilli di Peter Pan, come mi diceva il primo regista Carmine Elia, racconta cose belle e salvifiche come l’amore, l’amicizia e anche che il talento non si butta, riconoscerlo è emanciparsi”, aggiunge.

    Mare Fuori 4 sarà a giorni sul set, diamo per scontato che Naditza non ci sarà? “È davvero faticoso per me salutare questo personaggio che mi ha dato tantissimo, però è giusto che sia così, per questa quarta stagione la porta non è aperta ma poi chissà, certo che mi andrebbe di tornare”.

    Come anche i suoi colleghi della serie la moda la corteggia, i fan la inseguono per strada, lei va avanti: “Sono sul set a Trani della serie Gerri diretta da Giuseppe Bonito, prodotta da Cattleya per la Rai. In autunno invece su Rai2 una parziale reunion con Mare Fuori in Noi siamo leggenda dove ritroverò Giacomo Giorgio e Nicolas Maupas, regia di Carmine Elia”.

    Si tratta di una serie in 12 puntate, un coming of age declinato fantasy. Intanto l’8 maggio in Francia su France2 esce il biopic su Brigitte Bardot con la regia di Danièle e Christopher Thompson in cui interpreta la controfigura Peggy. E il cinema? “Mi piacerebbe misurarmi con una commedia, spero presto”. 




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, incendio in un cantiere in piazza Duca degli Abbruzzi

    Ieri sera, il nucleo radiomobile dei carabinieri di Napoli è intervenuto in piazza Duca degli Abruzzi, dove si è sviluppato un incendio all'interno di un cantiere di fronte all'ex mercato ittico.   Le fiamme hanno coinvolto alcune tubature in plastica, ma fortunatamente non ci sono stati feriti, grazie all'intervento tempestivo dei vigili del fuoco. Al momento sono in corso indagini per determinare l'origine e la dinamica dell'incendio, considerando tutte le ipotesi possibili. L'allarme è stato lanciato dai...

    Torre del Greco, sequestro beni a revisore contabile: omessa dichiarazione

    Nel contesto di un'operazione condotta dal Gruppo della Guardia di Finanza di Torre Annunziata, è stato eseguito un sequestro preventivo di 333.421,03 euro nei confronti di un revisore contabile con studio a Torre del Greco. L'azione è stata autorizzata dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta della Procura della Repubblica. Le accuse a carico del revisore contabile includono dichiarazioni infedeli e omissioni di dichiarazione. L'indagine condotta dalla Compagnia della Guardia...

    Giugliano, tocca un cavo scoperto: giovane rom di 21 anni muore folgorato

    Un giovane di 21 anni residente nel campo rom di Scampia è morto folgorato, dopo essere stato trasportato senza vita al pronto soccorso dell'ospedale San Giuliano di Giugliano dai suoi amici. Nonostante i tentativi di rianimazione da parte del personale medico, purtroppo non c'è stato nulla da fare. Gli agenti del commissariato di polizia di Giugliano sono intervenuti presso il nosocomio di via Basile e un'indagine sarà aperta per fare luce sulla vicenda. Al momento non...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE