Rivolta carcere Avellino, il ConSiPe: “Siamo a un punto di non ritorno”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Bellizzi Irpino carcere di Avellino, dopo la tempesta la quiete, qualcuno direbbe, ma c’è il sospetto che lo stato di abbandono in cui versano i penitenziari della Campania e non solo, sia giunto ad un punto di non ritorno che coinvolge tutti.

Noi come Confederazione Sindacale di Polizia Penitenziaria denominata CON.SI.PE ci auspichiamo che quanto avvenuto ieri e l’altro, sia un segnale che non venga sottovalutato da chi ha l’onere e la responsabilità di dare una risposta, poiché in tutto ciò il nostro pensiero va ai due poliziotti feriti ed al dottore sequestrato da ristretti facinorosi che secondo loro lo Stato è perdente ed a loro poco o nulla sarà addebitato penalmente”.

Per il segretario regionale Campania Asppe confederata Consipe Castaldo Luigi, “si è giunti al capolinea, da tempo rivendichiamo l’atavica carenza di organico quantizzabile in circa 1000 unità solo per la Campania connessa ad un sovraffollamento delle strutture per oltre il 30% della popolazione detenuta.



    Il tutto crea un ingolfamento del sistema che mette a repentaglio la sicurezza di chi tutti i giorni con spirito di sacrificio ed alto senso del dovere si ritrova in prima linea per pochi spiccioli, tra l’altro con un contratto bloccato da 500 giorni che non rispetterà le indicazioni dell’Istat.

    E che dire dell’arte.31 della CEDU laddove bei paroloni echeggiano nella mente di tanti di noi sindacalisti che ogni giorno con senso di responsabilità e tanta umanità cerchiamo di rilevare la complessità di un sistema penitenziario messo in secondo piano da molti, specie da chi attraverso le leggi dovrebbe garantirne il buon funzionamento.

    È giunta l’ora di dimostrare che lo Stato c’è, la Politica deve lanciare un segnale chiaro e forte affinché sia dato prestigio ed onore ad un Corpo dello Stato da tempo abbandonato”.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Mattarella alla Reggia di Caserta per l’inaugurazione delle sale della Gran Galleria

    Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha visitato la Reggia di Caserta in occasione del 250esimo anniversario della nascita dell'architetto Luigi Vanvitelli e dell'inaugurazione delle sale della Gran Galleria. Accolto dalla Direttrice Tiziana Maffei e dal Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, il Capo dello Stato ha tagliato il nastro inaugurale, completando l'anno Vanvitelliano dedicato al celebre architetto. I 3000 metri quadrati recuperati ospiteranno attività educative, una sala conferenze, un nuovo bookshop e la Gran...

    Regione Campania parte civile per la morte sul lavoro a Pratola Serra

    Mentre a Pomigliano d'Arco si celebra la presentazione della nuova Pandina, con la speranza di un futuro più sicuro per lo stabilimento, non possiamo dimenticare la tragedia avvenuta una settimana fa a Pratola Serra, dove Domenico Fatigati ha perso la vita nello stabilimento Stellantis. La Regione Campania si costituirà parte civile nel processo per la morte di Fatigati, su iniziativa dell'assessore Marchiello e del consigliere regionale del Pd Massimiliano Manfredi, estensore della modifica alla legge...

    Napoli, il film della Cortellesi apre la seconda parte del Cineforum di Arci Movie

    Il Cineforum di Arci Movie a Napoli: Proiezioni e Ospiti Fino a Maggio Il Cineforum di Arci Movie a Napoli continua ad offrire film di qualità e coinvolgenti ospiti nella splendida cornice del Pierrot di Ponticelli. Questa storica rassegna cinematografica si svolgerà da marzo a maggio 2024, presentando dieci titoli e importanti personaggi dello spettacolo per arricchire culturalmente il pubblico della città e dei dintorni. La sala di via De Meis, ristrutturata di recente, offre...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE