Napoli, Real Albergo Poveri: confronto su proposta istituto Galiani

SULLO STESSO ARGOMENTO

In commissione Urbanistica, presieduta da Massimo Pepe, si è svolta l’audizione degli alunni dell’istituto F. Galiani sulle ipotesi di riqualificazione del Real Albergo dei Poveri. L’incontro si è tenuto presso la Sala dei Baroni al Maschio Angioino e ha permesso agli studenti di illustrare la loro proposta progettuale ai commissari e all’assessora all’Urbanistica Laura Lieto.

L’iniziativa si inserisce nel percorso di educazione alla cittadinanza, ha spiegato la Dirigente scolastica dell’Istituto Galiani, Antonella Barreca, al fine di promuovere la partecipazione dei giovani alla vita sociale e politica del territorio.

Il coinvolgimento e l’ascolto dei giovani nei processi decisionali è fondamentale per effettuare scelte su questioni che impatteranno sul futuro, ha commentato la vicesindaco Laura Lieto, un confronto che ha evidenziato come idee sostenibili possano essere attuate proprio con l’interazione con le istituzioni e che incoraggia nuove iniziative di progettazione dal basso.

    Nella visione progettuale immaginata dagli studenti diversi sono gli asset operativi utili per il rilancio dell’Albergo dei Poveri, tra cui offrire spazi per l’università e locali per attività di artigianato, senza dimenticare i servizi di welfare, destinazione originale della struttura. Gli studenti hanno evidenziato nel loro progetto la possibilità di realizzare docce e servizi di barbieria per i più’ bisognosi, permettere il doposcuola e la palestra per i ragazzi del quartiere, realizzare una galleria per artisti emergenti ed infine una possibilità di allestire un giardino terapeutico per malati di Alzheimer.

    Il presidente Massimo Pepe ha osservato che con l’incontro di oggi l’amministrazione sta proseguendo la sua campagna di ascolto per il rilancio dell’Albergo dei Poveri, un’azione strategica che cambierà il volto della città. Raccogliere le idee permette di fare la scelte più attinenti con le esigenze del territorio.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE