Omicidio Aniello Iazzetta a Reggio Emilia: assassino condannato a 23 anni

SULLO STESSO ARGOMENTO

È stato condannato a 23 anni per omicidio volontario il 35enne slovacco Milan Racz. Il tribunale di Reggio Emilia lo ha ritenuto colpevole di aver ucciso il 51enne Aniello Iazzetta, originario di Afragola nell’estate 2021.

Il corpo della vittima era stato trovato il 16 giugno, nella sua abitazione di via Stalingrado a Reggio Emilia – dove viveva assieme allo stesso presunto assassino al quale aveva affittato una stanza – ma secondo le indagini, il decesso risaliva a quattro giorni prima.

Iazzetta venne trovato col cranio spaccato in due e per gli inquirenti l’imputato lo avrebbe ammazzato a mani nude dopo averlo aggredito in bagno, scagliandolo per la testa contro il bidet.

    Racz era stato arrestato dai carabinieri poche ore dopo la scoperta del cadavere mentre stava per imbarcarsi dal porto della Spezia per fuggire assieme alla sua fidanzata e da allora si trova in carcere.

    La procura, al termine della requisitoria del pm Valentina Salvi di stamattina, aveva chiesto l’ergastolo. Ma la corte d’assise (presieduta dal giudice Cristina Beretti, a latere Michela Caputo e la giuria popolare), dopo essersi riunita in camera di consiglio, ha emesso nel pomeriggio una sentenza di condanna di 23 anni, escludendo le aggravanti contestate.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Processo per usura a Napoli: vittima un imprenditore in difficoltà durante la pandemia

    NAPOLI - È iniziato questa mattina, davanti al Giudice dell'udienza preliminare della 42esima sezione del Tribunale di Napoli, il processo a sei persone accusate di usura ai danni di un imprenditore del quartiere Soccavo. La vittima, Salvatore Fiore, all'epoca dei fatti referente del Partito Democratico locale, si era trovata in...

    Violenze in carcere, un teste ritratta: “Mai pestato dagli agenti”

    Interrogato dai carabinieri dopo i pestaggi del 6 aprile 2020 nel carcere di Santa Maria Capua Vetere , Antonio Zerillo aveva inizialmente denunciato le botte subite. Tuttavia, oggi in aula, il detenuto, attualmente recluso nello stesso carcere, ha ritrattato ogni accusa, provocando la reazione del pm e rischiando un'incriminazione per...

    CRONACA NAPOLI