L'EPISODIO

Incendiate auto e moto del sindaco di Nola: indagini in corso

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sono state incendiate nella notte l’auto e la moto di Carlo Buonauro, sindaco di Nola, comune in provincia di Napoli. L’incendio è di origine dolosa ed è avvenuto nello spazio antistante la villetta nella quale vive il primo cittadino insieme alla sua famiglia e ad altri condomini.

Il rogo per ora è stato generato da ignoti che sono riusciti ad entrare nello spazio di pertinenza della villetta, appiccando le fiamme che hanno completamente distrutto sia l’auto che la moto del sindaco di Nola. L’incendio ha parzialmente danneggiato anche un muro dell’edificio.

Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Nola e i Vigili del fuoco che hanno prontamente spento le fiamme ed eseguito tutte le verifiche del caso per accertare l’agibilità della struttura. Non risultano feriti in seguito all’accaduto, sul quale si sta muovendo ora la Polizia per le indagini.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

I piatti della Quaresima a Napoli alla trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”

Nel nome dei piatti della Quaresima a Napoli, la trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”, con il suo patron Pasquale Casillo, ha dedicato un momento...

Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

Marigliano, rifiuti abusivi scoperti in un’area agricola

È stato scoperto un deposito di rifiuti abusivo in un locale appartenente a una società locale, situato in un'area agricola senza concessione e in...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE