LA CATTURA

Rapinarono un orologio da 200mila euro a Leclerc: arrestati 4 trasfertisti napoletani

SULLO STESSO ARGOMENTO

Individuati e arrestati dopo un anno gli autori della rapina del prezioso orologio del pilota della Ferrari in Formula 1, Charles Leclerc.

Si tratta di esperti e noti trasferisti napoletani che entrarono in azione nel mese di aprile dello scorso anno a Lucca.

Nella prima mattinata di oggi infatti i Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Viareggio, in provincia di Lucca, supportati da militari del Comando Provinciale di Napoli, di Caserta e di Milano, hanno tratto in arresto 4 persone, tre uomini ed una donna.



    Tutti destinatari di una misura cautelare restrittiva richiesta dalla Procura della Repubblica ed emessa dal G.I.P. del Tribunale di Lucca. I quattro soggetti sono indagati a vario titolo per la rapina di un prezioso orologio compiuta a Viareggio il 18 aprile dello scorso anno ai danni del noto pilota automobilistico Charles Leclerc.

    L’orologio, un Richard Mille del valore di 200mila euro, fatto a mano e recante la firma di Leclerc riprodotta a mo’ di serigrafia sulla cassa.

    Il pilota automobilistico fu scippato in Darsena a Viareggio, la sera di Pasquetta 2022, di un orologio svizzero raro, di gran valore. Secondo quanto emerso dall’inventario delle indagini, si trattava di un Richard Mille Rm 67-02, cronografo di lusso cui è impraticabile dare un prezzo reale.

    L’unico raffronto disponibile con un suo prototipo venduto nel 2021 all’asta per circa 2 milioni di franchi svizzeri, quasi 2 milioni di euro odierni. A strapparlo dal polso di Leclerc una persona che gli si sarebbe avvicinata con la scusa di scattare una foto. Secondo le indagini dei carabinieri di Viareggio, ai quattro arrestati, tutti originari del centro storico di Napoli, già noti alle forze dell’ordine, sarebbe da ricondurre tanto l’ideazione che l’esecuzione materiale dello scippo.

    Agli indagati i miliari sono risaliti sia acquisendo le tante immagini di videosorveglianza – sia pubblica che privata – sia testimonianze con contestuali individuazioni fotografiche. Due gli autori materiali del colpo, che si sarebbero mossi con uno scooter di grossa cilindrata intestato a un prestanome mentre altri due complici, un 39enne e una 29enne, avrebbe viaggiato su un suv preso a noleggio a Napoli.

    In particolare, la coppia a bordo dell’auto, ipotizzano gli investigatori, avrebbero fornito supporto ai complici che viaggiavano sullo scooter occupandosi dapprima del pedinamento della vittima, da Forte dei Marmi fino a Viareggio, e poi agevolandone la fuga impendendo, con varie manovre, che fossero inseguiti dalla parte offesa.

    Il gruppo sarebbe poi ripartito alla volta di Napoli. Nei confronti di due degli arrestati, si spiega dagli inquirenti, raccolti elementi anche per la tentata rapina di un orologio da 40mila euro avvenuta a Forte dei Marmi sempre il 18 aprile scorso, ai danni di un giovane residente a Lucca che fu pure percosso: il colpo fallì per la resistenza della vittima e l’intervento di alcuni passanti.

    Contestata inoltre a due degli arrestati anche una rapina avvenuta al Forte dei Marmi ad agosto 2021 ai danni di un turista francese: la vittima minacciato con una pistola con la quale furono anche sparati colpi a salve e le fu portato via un orologio da 80.000 euro. Nel corso dell’esecuzione della misura di custodia cautelare i militari hanno sequestrato a uno degli indagati due orologi di pregio, sulla cui provenienza, allo stato non giustificata, sui quali saranno disposti accertamenti e 23.000 in contanti.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Riqualificazione della Galleria Ottocentesca sotto l’Acropoli di Velia

    Una galleria ferroviaria ottocentesca, situata a sessanta metri sotto l'acropoli di Velia, presto diventerà un deposito accessibile ai visitatori grazie a un progetto di riqualificazione. Il direttore del Parco archeologico di Paestum e Velia, Tiziana D'Angelo, ha spiegato che la galleria, un tempo in uso per collegare Battipaglia a Reggio, è stata trasformata in deposito per reperti archeologici rinvenuti nella zona. Tuttavia, a causa di problemi di accessibilità e conservazione del patrimonio, era necessario intervenire. Con...

    Al via il web show ‘Casa dei figli di Mouse’: la sfida degli influencer. Tutti i partecipanti

    Il countdown è terminato: "La casa dei figli di Mouse" è pronta a sollevare il sipario e accogliere il suo afflusso di influencer e tiktoker. A partire dalle 21 dell'11 marzo, la diretta sulla pagina social ufficiale www.figlidimouseofficial.it darà il via a uno spettacolo che vedrà protagonisti 12 tiktoker con milioni di follower. Enzo Bambolina, con i suoi 332.000 follower su TikTok, agirà come coordinatore, avendo il compito di mettere a proprio agio, ma anche...

    Napoli, Sangiuliano: “Trovate risorse per il complesso Donnaregina vecchia”

    Il Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano ha annunciato lo stanziamento di risorse per il restauro del complesso Donnaregina vecchia a Napoli. L'intervento riporterà all'antico splendore questo importante sito storico e culturale. L'annuncio è stato fatto durante la presentazione della mostra "Caravaggio a Donnaregina, la Flagellazione di Cristo". La mostra, che si terrà dal 28 febbraio al 31 maggio 2024, è un'iniziativa voluta dall'Arcivescovo di Napoli Domenico Battaglia. In occasione della Pasqua saranno organizzate visite guidate per le scuole...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE