Recale, trasporto illecito di rifiuti speciali: sequestrato Apecar

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nel Comune di Recale i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Marcianise hanno scoperto un Apecar con il cassone colmo di circa circa 800 kg di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi.

A bordo del mezzo c’erano: apparecchiature da esterno per condizionatori; un tavolo da stiro; una bicicletta in disuso; una rete metallica per materassi usurata; un tapis roulant rotto; un forno dismesso; ed altri elettrodomestici in disuso, nonché rifiuti in vetro ed in plastica vari.

Alla guida un uomo che svolgeva attività di svuota cantine in assenza di qualsiasi autorizzazione per la raccolta e trasporto dei rifiuti. L’uomo, inoltre, è risultato sprovvisto del libretto di circolazione e della patente di guida. E’ stato denunciato per il reato di gestione illecita di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi.

    L’Apecar è stata sottoposta a sequestro giudiziario preventivo con affidamento in custodia ad apposita depositeria convenzionata. Secondo i militari di Marcianise, sono proprio gli svuota cantine che esercitano la loro professione in maniera illegale a svolgere un ruolo rilevante nella Terra dei Fuochi per “il fenomeno delle discariche abusive, anche tombate, ed all’attualità dall’abbandono incontrollato di rifiuti urbani e speciali, associato, spesso, alla combustione degli stessi”.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    telegram

    Napoli, quel “pasticciaccio brutto” della libreria Mondadori

    È durata meno di un giorno l'apertura al pubblico della nuova libreria Mondadori di Napoli, la più grande del capoluogo partenopeo e tra le più grandi d'Italia con i suoi 1.120 metri quadrati. Inaugurata ieri con grande entusiasmo, la libreria ha dovuto chiudere i battenti oggi stesso a causa di...

    Mare di Coroglio e Nisida inquinato: sversamento dal collettore fognario, il Parco della Gaiola denuncia

    Un'ennesima macchia marrone e maleodorante galleggia nel mare tra Coroglio e Nisida, a causa di uno sversamento dal collettore fognario locale. L'eccesso di acqua da un acquazzone ha causato il sovraccarico del troppopieno della vasca di trattamento, riversando i liquami in mare senza depurazione. Si tratta di un problema ricorrente, già...

    CRONACA NAPOLI