Campi Flegrei: incontro su raccordo tangenziale, sprint per le vie di fuga

Un incontro cruciale si è svolto oggi nella sede...

Dietrofront Iervolino: “Scudetto? Tifosi napoletani siano liberi di festeggiare, anche a Salerno”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Danilo Iervolino, presidente della Salernitana, è tornato a parlare a Radio CRC dei possibili festeggiamenti per lo scudetto del Napoli anche a Salerno.

PUBBLICITA

Iervolino e il comunicato degli ultras: “Parole male interpretate”

Il patron dei granata ha citato nuovamente il comunicato degli ultras della “curva Sud Siberiano”, tornando sulle dichiarazioni rilasciate a Il Mattino che avevano fatto discutere. Per lui si tratta però di “un grande equivoco” e un “mancato contesto e chiave di lettura rispetto alla nota emessa dai tifosi”.

“Prima di tutto faccio una premessa: siamo felicissimi, orgogliosi e applaudiamo questo grande Napoli – ha detto Iervolino -. Ci stiamo impegnando per creare un ponte tra le due squadre, un terzo tempo in cui si vada a bere tutti una bibita, siamo per il Sud e per le squadre del Sud”.

“Poi, c’è un altro discorso da fare: dobbiamo ancora salvarci, siamo in corsa nella stessa categoria – aggiunge -. Nel comunicato si ribadiva il sogno di una città, quella di Salerno di raggiungere la salvezza e tifosi salernitani chiedevano ad ognuno festeggiare in casa propria, ma il comunicato è rivolto ai salernitani”.

“Tifosi napoletani liberi di festeggiare, anche a Salerno”

“Se c‘è un tifoso napoletano a Salerno può assolutamente tifare con orgoglio ed esporre quello che vuole, magari non allo stadio, nel tempio della Salernitana. Il comunicato andava a rispondere forse a questo eccesso che voleva che nel proprio tempio si potesse festeggiare il risultato di un’altra squadra”.

“Le polemiche e gli isterismi non servono a nulla e non mi sembra che squadre vicine che posano giocarsi un derby come Roma e Lazio o Milan e Inter abbiamo rapporti così cordiali come i tifosi di Napoli e Salerno”.

“Non mi stanco mai di fare chiarezza sul fatto che siamo del Sud e ci muove una cultura comune e la volontà di fare bene e far fare bene tutte le squadre del sud. Il comunicato è frutto di malintesi generalizzati, ma è rivolto ai tifosi della Salernitana, non ai napoletani che vivono a Salerno”.

“Il comunicato non ha toni minacciosi o violenti, credo sia solo la passione che muove il calcio. Così come i tifosi del Napoli che vivono a Salerno possono esporre la bandiera fuori al proprio balcone, il tifoso della Salernitana che vive a Napoli può esporre la sua bandiera, il calcio è bello così”.

“Noi siamo orgogliosi della Salernitana e dei nostri tifosi, ma queste polemiche nascono sempre nei lunghi stop perché il calcio ci manca e quando non si gioca si parla di altro. Abbiamo una gara difficile contro una diretta concorrente, il Napoli deve continuare la cavalcata trionfale quindi avanti tutta”.


CLICCA QUI PER VEDERE ALTRI VIDEO
googlenews
facebook


I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE