Francesco Pio Valda stava per scappare: qualcuno lo ha avvisato dell’arrivo della polizia

SULLO STESSO ARGOMENTO

Stava per scappare l’assassino di Mergellina: Francesco Pio Valda era stato avvisato da qualcuno che stava per arrivare la polizia. Ma non ha fatto in tempo a fare perdere le tracce.

Qualcuno lo ha avvisato telefonando a casa della nonna, dove si era rifugiato dopo l’omicidio. “Vestiti e vai via presto”, gli diceva un uomo dall’altra parte della cornetta. Ma gli agenti della squadra mobile di Napoli sono arrivati prima che lasciasse quell’abitazione. Francesco Pio Valda, 20 anni, fermato per l’omicidio di Francesco Pio Maimone, di due anni piu’ piccolo, agli chalet di Mergellina a Napoli la notte tra domenica e lunedi’, ha sparato per dimostrare che la pistola che aveva era vera.

Questo e’ quanto emerge dal racconto dei testimoni del delitto sentiti dalle forze dell’ordine le cui dichiarazioni sono culminate nel decreto di fermo. Questa mattina ci sara’ la convalida del fermo disposto dal pm. “Gli gridavano che la pistola era a salve e cosi’ prima ha esploso due colpi in aria, poi uno in un’auto parcheggiata, rompendogli il lunotto e poi nel mucchio”, raccontano i testimoni.



    La rissa: “Stai attento le scarpe costano mille euro”

    Tutto sarebbe nato, secondo le loro dichiarazioni, da una macchia sulle sue scarpe: “Ha detto: ‘statti attento che sono di marca e costano mille euro'”. Dall’altra parte il contendente, che era un uomo del rione Traiano gli ha risposto che “gliene avrebbe comprate dieci di scarpe”. Quindi la rissa e poi la pistola estratta e mentre dal gruppo gridavano “tanto e’ finta”. E invece era vera.

    E stamane, difeso dall’avvocato Antonio Iavarone dovrà spiegare al gip la sua versione dei fatti anche se ha già detto alla polizia e al pm: “Non l’ho ucciso io, non ho sparato io”. Ma fino a questo momento le prove dimostrano il contrario.

    Sempre in mattinata sarà inoltre eseguita l’autopsia disposta dalla Procura di Napoli sul corpo del 18enne ucciso. La salma sarà poi restituita ai familiari per i funerali, che dovrebbero essere celebrati domani nella chiesa di San Lorenzo Martire nel quartiere Pianura dal vescovo di Pozzuoli, monsignor Gennaro Pascarella.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Inaugurato parcheggio a stazione Fs Casoria, spazio per 70 auto

    È stato ufficialmente aperto il nuovo parcheggio presso la stazione ferroviaria di Casoria. La cerimonia di inaugurazione è stata guidata dal sindaco Raffaele Bene e da Andrea Destro, Amministratore delegato di FS Park, la società del Polo Urbano incaricata della gestione della sosta per conto del Gruppo FS. Il parcheggio,...

    Villaricca, 5 avvisi di garanzia per lavori eseguiti dopo voragine

    Oggi la Procura di Napoli Nord ha notificato cinque avvisi di garanzia a imprenditori, professionisti e funzionari pubblici del Comune di Villaricca in relazione a un'indagine riguardante frodi in pubbliche forniture. Gli avvisi sono legati ai problemi di cedimento nella II traversa di Via Palermo a Villaricca, causati dalla presenza...

    Portici, sequestrata Villa abusiva con piscina davanti al Comune

    Una maxi villa abusiva con tanto di piscina e giardino è stata sequestrata questa mattina dalla Polizia Municipale di Portici, su disposizione del Capitano Gaetano D'Esposito. L'operazione è avvenuta di fronte al Palazzo Comunale di Via Campitelli, dove gli agenti hanno posto i sigilli a un'area di oltre seicento metri...

    Capodichino, la droga era nascosta nella cassetta postale: arrestato pusher

    Il nascondiglio insolito non è servito all'esperto pusher per evitare l'arresto. Gli agenti del Commissariato Scampia lo tenevano d'occhio e così ieri pomeriggio dopo un appostamento lo hanno arrestato. I poliziotti infatti lo hanno notato, nei pressi dei porticati di uno stabile. L'uomo dopo aver prelevato qualcosa dalla cassetta postale,...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE