La Cassazione annulla la condanna del figlio del boss Puca

SULLO STESSO ARGOMENTO

La Cassazione ha annullato la sentenza di condanna   comminata dalla Corte di Appello di Napoli nei confronti di Luigi Puca.

Il figlio del boss di Sant’Antimo era imputato per estorsione insieme con Giuseppe D’Aponte. I due era stati arrestati nel 2020 dai carabinieri.

Luigi Puca, figlio del boss Pasquale detto o’ minorenne, è stato difeso dall’avvocato Roberto Iacono insieme con Vianello Accoretto mentre l’imprenditore edile Giuseppe D’Aponte è stato difeso dall’avvocato Giaccio.

    I due erano accusati del reato di estorsione aggravata dal metodo e dalle finalità mafiose ai danni di un altro costruttore della zona.

    Secondo quanto raccolto durante le indagini, anche grazie alla denuncia della vittima, i due uomini, con reiterate richieste e minacce di morte, avevano costretto la vittima, trovatasi in gravi difficoltà economica, a consegnare loro assegni e cambiali per un importo complessivo di oltre 50 mila euro a fronte di un debito iniziale di 11 mila.

    L’imprenditore, che aveva concesso al D’Aponte di far transitare dei pagamenti sul suo conto corrente, a causa di alcune spese improvvise a cui aveva dovuto fare fronte, aveva preso a prestito tale somma per la quale tuttavia, dopo alcuni giorni, il D’Aponte, riferendo che quelli fossero soldi della famiglia Puca, aveva preteso la restituzione per un importo di molto superiore alla cifra originaria.

     

     



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Terremoto Campi Flegrei, Manfredi: “La paura non diventi panico, niente allarmismi”

    "Dobbiamo in tutti i modi evitare che la normale paura, una paura assolutamente comprensibile, una preoccupazione concreta e reale, si trasformi in panico. Per far questo dobbiamo necessariamente informare i cittadini, e noi cerchiamo di farlo nella maniera più ampia possibile. Dobbiamo tutti insieme essere capaci di fare una comunicazione...

    E’ morto Karl-Heinz Schnellinger, ex Milan e Roma. Segnò in Italia-Germania del ’70

    Karl-Heinz Schnellinger, una delle leggende del calcio tedesco degli anni '60 e '70, è morto la scorsa notte all'età di 85 anni presso l'ospedale San Raffaele di Milano. La notizia è stata confermata dalla figlia Birgit. Schnellinger, che viveva in Italia da oltre cinquant'anni, è ricordato non solo per...

    CRONACA NAPOLI