A Soccavo pestano ragazzo in strada e lo minacciano con una pistola: “Ti sparo in testa”. Il video

SULLO STESSO ARGOMENTO

Le immagini che  arrivano da Soccavo sono inquietanti. In via Tevere, all’incrocio con via Po, un gruppo di persone ha accerchiato e pestato un ragazzo con calci, pugni e schiaffi.

Ma quello che lascia di stucco è che uno degli energumeni ha estratto una pistola puntandola verso la vittima.

“Ce le abbiamo davvero, ti sparo in testa”, lo minaccia.

“Non sappiamo se si tratta di un’arma vera o finta, fatto sta che è una scena assurda, degna del far west che è ormai all’ordine del giorno in tante zone di questa città.

    Una tragedia sfiorata, ma quello che più preoccupa è il dilagare senza freno di una violenza feroce. Questo episodio è avvenuto pochi giorni prima dell’ennesima rapina che abbiamo denunciato a Ponticelli, nel parco Conocal.

    Tragedia sfiorata dopo l’aggressione al Conocal

    Lì cinque banditi si sono posizionati dinanzi ad un’automobile, puntando la pistola contro il malcapitato alla guida. L’uomo è stato fatto scendere dalla vettura con brutale violenza. In queste condizioni, lo ribadiamo, nessuno è al sicuro.

    I cittadini hanno paura, e molte volte non denunciano nemmeno, ma noi continuiamo a insistere per portare all’attenzione delle forze dell’ordine questi episodi e dare coraggio alle persone per denunciare. Purtroppo si dà piglio alla violenza e si ammazza a cuor leggero. E spesso, quando li beccano, il carcere non lo vedono nemmeno o, dall’interno, si vantano pure sui social delle loro ‘gesta’.

    E, altro tema, sembra stia diventando sempre più facile entrare in possesso di un’arma. La situazione è seria e gravissima, occorre fare di più: aumentare i controlli nelle strade e, soprattutto, garantire pene severe e certe a questi criminali”. Lo ha detto il deputato di Alleanza Verdi- Sinistra, Francesco Emilio Borrelli, commentando l’accaduto.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Life for Gaza: sold out per il concerto-evento in programma al Palapartenope di Napoli

    Concerto per la Palestina: evento sold out al Palapartenope di Napoli Il concerto per la pace, organizzato dalla Comunità Palestinese Campania in collaborazione con...

    Il Commissario Straordinario visita l’Istituto Comprensivo “Cilea – Mameli” di Caivano

    Il giorno precedente, il prefetto Filippo Dispenza, coordinatore della Commissione Straordinaria al Comune di Caivano, ha visitato l'Istituto Comprensivo "Cilea - Mameli" di Caivano,...

    Sequestro La Sonrisa previsto per domani corteo dei dipendenti

    I dipendenti del Grand Hotel La Sonrisa stanno affrontando una situazione di incertezza riguardo al proprio futuro occupazionale, dopo la sentenza di confisca definitiva...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE