Controlli nelle piazze di spaccio di Arzano

SULLO STESSO ARGOMENTO

I Carabinieri della Tenenza di Arzano, insieme a quelli della Compagnia di Casoria, hanno svolto un servizio straordinario di controllo del territorio.

Numerose le pattuglie impiegate che hanno identificato una quarantina di persone e passato al setaccio una trentina di veicoli. Altrettanto cospicue le sanzioni applicate per violazioni al codice della strada, diversi i veicoli sequestrati.

Durante il servizio sono stati predisposti posti di controllo sulle arterie stradali di ingresso e di uscita del comune di Arzano, in piazza Cimmino e nei pressi della villa comunale. Durante una perquisizione domiciliare deferito in stato di libertà un uomo che deteneva senza titolo all’interno della propria abitazione una decina di cartucce calibro 9×21.

    Segnalato alla Prefettura un giovane del posto, trovato in possesso di una stecchetta di hashish.

    Analoghi servizi preventivi straordinari verranno organizzati nel corso delle prossime settimane su tutto il territorio della Compagnia di Casoria.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Avellino, scoperti telefoni e droga nella cella del boss

    La polizia penitenziaria ha effettuato una perquisizione straordinaria nella cella di un boss della camorra all'interno del carcere di Avellino, dove sono stati scoperti...

    Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

    Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

    Violentò una turista a Sorrento: arrestato tunisino

    Oggi, a Marsala, in Sicilia, i Carabinieri della Compagnia di Sorrento hanno eseguito un'ordinanza di custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE