Disordini tra tifosi della Juventus: emessi 30 Daspo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il Questore di Torino ha emesso 30 provvedimenti Daspo, da uno a cinque anni, con otto obblighi di firma, nei confronti degli appartenenti dei gruppi ultras della Juventus.

Trenta Daspo a tifosi dei gruppi ultras della Juventus

Si tratta degli ex Drughi, che ora si chiamano ‘San Marco 1988’, degli ex ‘Tradizione’, oggi ‘Gruppo Storico’, degli ex ‘Viking’, oggi ‘Milano 1986’, degli ex ‘Nuclei Armati Bianconeri’, oggi ‘Genova’ e dei neonati ‘La 12 Curva Sud’, gli ex ‘Drughi Asti Praia’.

Daspo a tifosi Juve, le risse e i disordini durante i match

Ventiquattro dei daspati, secondo le indagini della Digos di Torino, guidata da Carlo Ambra, avrebbero partecipato alla rissa tra gli ultras bianconeri scoppiata nel settore ospiti dello Stadio Olimpico Grande Torino, durante il derby dello scorso 15 ottobre. Uno scontro, sfociato nell’antistadio, in cui si erano affrontati in una quarantina.

    Alla base dei disordini la leadership della curva, rimasta senza un gruppo guida, dopo che il processo Last Banner, conclusosi nell’ottobre 2021, ha visto condannati in primo grado per vari reati tra cui associazione a delinquere, sei capi ultras bianconeri.

    Tra i trenta Daspo emessi in queste ore, sei sono stati invece adottati perché il 6 novembre, durante Juventus-Inter, gli ultras, al fine riservarsi l’area retrostante la balaustra della curva sud dell’Allianz Stadium, hanno allontanato con violenza e minacce altri tifosi estranei al contesto ultrà.

    Metodi che erano stati evidenziati proprio nell’inchiesta della Procura di Torino che ha portato al processo ‘Last banner’.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    La Sovrintendenza dice stop alla pubblicità dei profilattici in piazza Plebiscito a Napoli

    La Sovrintendenza ha bloccato la pubblicità dei profilattici situata dietro la basilica di San Francesco di Paola a Napoli, in piazza Plebiscito. Rosalia D'Apice,...

    Pagani, sequestrata una fabbrica che riproduceva illegalmente prodotti della SSC Napoli

    Un ingente quantitativo di merce contraffatta sequestrata, tre lavoratori in nero denunciati Nell'ambito dell'intensificazione delle attività di contrasto alla contraffazione, la Guardia di Finanza di...

    A ‘Storie al femminile’ il coraggio delle donne raccontato da Stefania De Martino

    La Fondazione “Matteo e Claudina de Stefano” di Ogliastro Cilento continua il suo viaggio nelle relazioni di “Storie al Femminile” con scrittrici di generazioni...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE