Napoli, petroliera liberiana fermata nel porto: gravi irregolarità

SULLO STESSO ARGOMENTO

Una nave petroliera battente bandiera liberiana è stata fermata dagli uomini della Guardia Costiera nel porto di Napoli per gravi irregolarità riscontrate a bordo e violazione delle norme internazionali sulla salvaguardia della vita umana in mare.

L’ordine di detenzione è stato emesso dal nucleo Port State Control al termine di una lunga e complessa ispezione. In accordo alle procedure emanate dall’Agenzia europea di Sicurezza marittima la nave in questione è risultata ad alto rischio per la sicurezza della navigazione e pertanto specifico obiettivo del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, nell’ambito dell’attività di contrasto al fenomeno delle navi “Sub – Standard”.

Attraverso la preliminare consultazione della banca dati europea delle ispezioni (Thetis), la nave è risultata da “attenzionare” al suo arrivo nel porto di Napoli ed è dunque stata oggetto di un’approfondita ispezione che ha fatto emergere numerose carenze tra cui il malfunzionamento di alcuni apparati vitali dell’unità e la carenza di addestramento dell’equipaggio nell’affrontare le possibili emergenze di bordo.



    In particolare, gli ispettori della Capitaneria di porto, considerata la particolare tipologia dell’unità (petroliera-chimichiera), hanno posto particolare attenzione al funzionamento degli impianti di emergenza, alcuni dei quali sono risultati inefficienti.

    Nei prossimi giorni, sotto la diretta responsabilità dello Stato di bandiera della nave, la Liberia, la nave dovrà essere sottoposta alle verifiche tecniche e documentali necessarie a garantirne la sicurezza.

    Solo successivamente il team della Guardia Costiera, agli ordini dell’ammiraglio ispettore Pietro Vella, comandante del porto di Napoli e direttore marittimo della Campania, ritornerà a bordo per un’ulteriore ispezione e, in caso di esito positivo, autorizzerà la partenza della nave.

    Inoltre, il comandante e l’armatore della petroliera saranno tenuti al pagamento di un importo di circa 10mila euro quale sanzione amministrativa e per ulteriori oneri connessi al fermo amministrativo dell’unità. Da inizio anno sono già 4 le unità straniere sottoposte a controllo da parte del locale nucleo Port State Control.

     




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Afragola, riattivata la videosorveglianza presso la Masseria Ferraioli 

    Il Comune di Afragola ha recentemente comunicato l'avvio del sistema di videosorveglianza presso la Masseria Ferraioli, precedentemente oggetto di atti vandalici e confiscata alla camorra. Le telecamere vigilano costantemente sugli accessi della struttura, consentendo alle forze dell'ordine, tra cui la Polizia Municipale, il Commissariato della Polizia di Stato e la Stazione dei Carabinieri di Afragola, di monitorare la zona in tempo reale. Inoltre, è stato installato un sistema audio per una comunicazione diretta con eventuali individui...

    ‘Greta la matta’, uno spettacolo per tutta la famiglia, in scena al Nest

    Tratto da “Greta la Matta” di Carll Cneut e Geert De Kockere, in scena sabato 2 marzo (ore 21) e domenica 3 marzo (ore 18). I bambini potranno assistere allo spettacolo gratuitamente. Una creazione collettiva di Massimiliano Burini, Matteo Svolacchia e Giulia Zeetti. In scena Chiara Mancini, Debora Renzi e Andrea Volpi. Questa è la storia della piccola Greta, che viene chiamata Greta la dolce, la carina, la particolare, la strana, la diversa... la matta. La...

    Lo Stato si riappropria degli spazi pubblici occupati abusivamente ai quartieri Spagnoli.

    Gli agenti del Commissariato Montecalvario, insieme alla Polizia Locale e al personale della Napoli Servizi, hanno infatti, effettuato controlli e operazioni di rimozione di ostacoli nella zona dei Quartieri Spagnoli di Napoli. Durante l'intervento, che mirava a garantire la libera circolazione nelle aree pubbliche, sono stati rimossi diversi elementi tra cui paletti, barriere, fioriere, sedie, una pedana in legno, dissuasori, un mobile e un boiler. In particolare, sono stati tolti 104 paletti, 3 barriere new jersey,...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE