Paura a Casamicciola, nuova evacuazione dalla zona rossa

SULLO STESSO ARGOMENTO

Due settimane dopo la frana che ha ucciso 12 persone, sconvolto un’intera comunità e provocato danni difficilmente rimarginabili al territorio, ritorna la paura a Casamicciola.

Il primo campanello d’allarme è arrivato nel corso della mattinata: la Protezione civile regionale ha diramato l’allerta meteo di colore arancione per l’isola d’Ischia a partire dalla prossima mezzanotte e per 24 ore.

Nel pomeriggio, nel corso di una conferenza stampa al termine della riunione del Coc, il Centro operativo comunale, è stata disposta una nuova evacuazione dalle zone rosse individuate dalle verifiche di questi giorni.

    Il commissario prefettizio di Casamicciola, Simona Calcaterra ha confermato l’ordinanza già emessa dopo la frana del 26 novembre e così tre auto sono state mandate in giro per l’isola con la richiesta esplicita di lasciare la zona rossa. L’invito ad evacuare stavolta, rispetto al precedente, “è più deciso e pressante”, è rivolto ai cittadini “per tutelarne la sicurezza” e non è facoltativo.

    Ci sono infatti ancora diverse persone intenzionate a non lasciare le proprie abitazioni anche in questa occasione. Chiaro il quadro fornito dal direttore della Protezione civile della Regione Campania, Italo Giulivo: “le piogge previste potrebbero provocare nuove frane, determinando una pericolosità che deve essere assolutamente presidiata”.

    Da mezzanotte, da quando scatta l’allerta arancione, potrebbero cadere sull’isola, in base alle previsioni, circa 60 millimetri di pioggia ma naturalmente “le criticità saranno diverse se le preciptazioni si verificheranno nel giro di un’ora o di diverse ore”. “Ci aspettiamo – spiega Giulivo – un nuovo impatto su un territorio già gravato”.

    Di qui l’invito della Protezione civile regionale “a tutti i cittadini di allontanarsi dalle abitazioni che sono state classificate come rosse in base alle analisi fatte dai Vigili del Fuoco”.

    I funerali dei coniugi Scotto di Minico e del piccolo Giovangiuseppe

    Il dolore dell’isola non ha fine. Oggi nella piccola chiesa della Santissima Annunziata, la parrocchia della frazione di Campagnano (zona collinare di Ischia Porto), il vescovo Pascarella ha officiato le esequie di Maurizio Scotto di Minico, della compagna Giovanna Mazzella (di 32 e 30 anni) e del loro piccolo Giovangiuseppe di appena 21 giorni. All’uscita, amici e parenti hanno liberato al cielo decine di palloncini bianchi. Sulla piccola bara di Giovangiuseppe una donna ha collocato un pupazzo.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Aversa, tentano di rubare la marmitta dal furgone delle Poste: arrestati 2 napoletani

    Nella giornata del 15 febbraio 2024, la Polizia Ferroviaria di Aversa ha eseguito un'ordinanza di arresti domiciliari emessa dal GIP del Tribunale di Napoli...

    Novichok: cos’è l’arma chimica che ha avvelenato Alexei Navalny

    Il Novichok è  un veleno appartenente ad un gruppo di agenti nervini di quarta generazione sviluppati dall'Unione Sovietica negli anni '70 e '80. Sono...

    Camaldoli, ruba grate in ferro da una proprietà del Comune: arrestato

    Arrestato un uomo nella zona dei Camaldoli per furto di grate in ferro di proprietà del Comune di Napoli. Gli agenti del Commissariato Arenella hanno...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE