Frana Casamicciola, le salme potranno essere restituite a famiglia

SULLO STESSO ARGOMENTO

Frana Casamicciola, le salme potranno essere restituite a famiglia ++

Decisione della Procura. Non decisa data dei funerali. Domani inizia la pulizia delle scogliere

Le salme delle undici vittime ritrovate della alluvione di Casamicciola potranno essere restituite alla famiglia per la sepoltura: lo ha deciso la Procura di Napoli.



    Per la data dei funerali si ipotizza che si possano tenere non prima di questo sabato: se saranno di Stato si terranno nel palazzetto dello sport Taglialatela ad Ischia ma si attende l’assenso delle famiglie delle vittime. Proseguono intanto le ricerche della ultima dispersa, Mariateresa Arcamone, nelle zone teatro della frana.

    Si tratta dei corpi di Eleonora Sirabella, Salvatore Impagliazzo, Gianluca Monti, Valentina Castagna, Michele Monti, Francesco Monti, Maria Teresa Monti, Giovan Giuseppe Scotto Di Minico, Maurizio Scotto Di Minico, Giovanna Mazzella e Nikolinca Gancheva Blagova.

    La frana di Casamicciola del 26 novembre ha provocato lo sversamento in mare di una consistente quantità di rifiuti di ogni genere, trascinati dall’ondata di fango che scendendo dall’Epomeo tra travolto tutto quello che ha incontrato sul suo cammino.

    Per eliminarli domani il Regno di Nettuno, l’area marina protetta di Ischia e Procida, insieme alla associazione Hester organizza la pulizia degli scogli del litorale casamicciolese dai rifiuti riportati a riva nei giorni successivi all’alluvione o rimasti incagliati tra gli scogli e chiama per questo a raccolta volontari che potranno aiutare il personale della amp a rimuoverle e smaltirli.

    Nei giorni scorsi Hester aveva già ripulito coi suoi spazzamare le acque all’interno del porto di Casamicciola recuperando parecchi rifiuti galleggianti; domani l’obiettivo è quello di eliminare la consistente quantità di detriti scesa a valle in mezzo al fango e rimasta incastrata nella scogliera che protegge la costa del comune isolano.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Arriva da Napoli per assistere la sorella gravemente malata e le ruba 10mila euro: condannato

    Un uomo di 61 anni di Napoli, P.F.A, è stato condannato in primo grado a 9 mesi di reclusione (con la sospensione condizionale) per truffa informatica e al pagamento di una multa di 500 euro. L'uomo ha approfittato della malattia della sorella, una 66enne residente a Montebelluna, per rubarle quasi...

    Villaricca, lavori sbagliati: sequestro di fondi alla ditta

    I Carabinieri di Marano e i finanzieri del Gruppo di Giugliano in Campania hanno sequestrato somme di denaro ritenute provento di una presunta truffa ai danni del Comune di Villaricca. La vicenda riguarda i lavori di risanamento dell'arteria stradale "II Traversa via Palermo", che secondo la Procura di Napoli Nord...

    Rapinano una banca a Carpi: arrestati 4 napoletani

    Il 7 febbraio un gruppo di rapinatori ha assaltato la Banca Popolare SanFelice 1893 di viale Manzoni a Carpi, nel modenese. Armati di cutter, i banditi hanno costretto i dipendenti a consegnare loro il denaro. Questa mattina la polizia ha eseguito l'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip...

    A Sorrento camerieri robot in funzione alla “Terrazza delle Sirene”

    La carenza di personale ha spinto Mario Parlato, patron del ristorante "La terrazza delle Sirene" a Sorrento, a prendere una decisione drastica: assumere due robot camerieri per servire i suoi clienti. "Non riuscivo a trovare camerieri - spiega Parlato - i ragazzi che vengono a colloquio sono più interessati ai...

    IN PRIMO PIANO