Castellammare, la,polizia sequestra la legna dei falò dell’Immacolata

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sono iniziati i controlli e sequestri di legna da parte delle forze dell’ordine in occasione della Festività Immacolata, festa molto sentita a Castellammare dove vi è la centenaria tradizione di accendere i falò in ogni rione.

Ieri gli agenti del Commissariato di Castellammare di Stabia e personale della Polizia Locale hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio in occasione delle operazioni di recupero di materiale legnoso utilizzato per l’accensione dei falò dell’Immacolata nel Comune di Castellammare di Stabia dove hanno sequestrato 24 tonnellate di legna.

Negli anni scorsi il fenomeno, spesso controllato, dai baby camorristi ma anche dagli stessi affiliati ai clan ha fatto salire agli onori della cronache nazionali il quartiere di Moscarella dove fu accesso un falò con un manichino impiccato e contro i pentiti.

    Inoltre, nel corso dell’attività, sono state identificate 64 persone, di cui 14 con precedenti di polizia, e controllati 38 veicoli.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    I piatti della Quaresima a Napoli alla trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”

    Nel nome dei piatti della Quaresima a Napoli, la trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”, con il suo patron Pasquale Casillo, ha dedicato un momento...

    Torre del Greco, faceva prostituire la compagna e mamma di suo figlio: arrestato

    L'uomo, di 29 anni, a volte costringeva la compagna di soli 21 anni a guardare mentre faceva sesso con altre donne

    Sparatoria Milano: ai domiciliari il trapper Shiva

    Decisione del gip, indagato anche per rissa a San Benedetto

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE