Napoli, latitante arrestato mentre saliva su un taxi

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Latitante da aprile scorso ma il web patrolling dei Carabinieri ne permette la cattura. 30enne arrestato

I Carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Napoli hanno arrestato Francesco Percich – classe 92 – su disposizione di un provvedimento emesso dalla Corte d’Appello di Napoli.

L’uomo era stato arrestato grazie a un mandato di arresto europeo emesso dall’autorità giudiziaria francese che lo aveva ritenuto gravemente indiziato di aver commesso 7 rapine a Parigi. Orologi di lusso gli obiettivi delle rapine avvenute in gioiellerie e in danno di cittadini d’Oltralpe per un bottino complessivo che arriva a quasi 150mila euro.

    Per quei reati il 30enne era stato sottoposto alla misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria ma le sue continue violazioni segnalate dai Carabinieri avevano portato ad aprile scorso all’ordine di carcerazione.

    Un ordine di carcerazione che era rimasto in sospeso visto che Percich si era reso irreperibile e dichiarato latitante. In sospeso fino a ieri quando i militari del nucleo investigativo – nell’ambito di un’indagine caratterizzata da accertamenti finanziari e dal web patrolling – lo hanno scovato.

    L’uomo, quando si è sentito le mani dei Carabinieri sulle spalle, era al Corso Vittorio Emanuele a Napoli e stava salendo su un Taxi. Arrestato, è ora in carcere a disposizione dell’autorità giudiziaria.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

    Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

    Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

    Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

    Avellino, scoperti telefoni e droga nella cella del boss

    La polizia penitenziaria ha effettuato una perquisizione straordinaria nella cella di un boss della camorra all'interno del carcere di Avellino, dove sono stati scoperti...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE