Vico Equense, raccolta firme per riaprire il pronto soccorso dell’ospedale

SULLO STESSO ARGOMENTO

Vico Equense. “La chiusura del pronto soccorso dell’ospedale De Luca e Rossano sta avendo forti ripercussioni sulla serenita’ e sulla sicurezza della nostra citta'”. E’ quanto sottolinea Antonio Breglia, consigliere comunale di opposizione di Vico Equense, promotore di una raccolta firme.

“I cittadini – aggiunge – da quasi due anni sono stati privati del diritto alla salute esponendosi a grave pericolo, in queste ultime settimane ho avuto modo di incontrare tantissime persone che mi hanno testimoniato la propria paura per questa grave situazione, abbiamo raccolto quasi 1800 firme con la petizione popolare dedicata alla riapertura del pronto soccorso del presidio ospedaliero De Luca e Rossano, da pochissimi giorni ho protocollato le firme e la mia relazione anche al Consiglio della Regione Campania ed al Presidente De Luca, oggi ho avuto il primo importante riscontro ed e’ arrivato da parte del consigliere Luigi Cirillo che ha richiesto un’audizione in commissione sanita'”.

“La chiusura, da oltre un anno, del pronto soccorso del “De Luca e Rossano” – gli fa eco il consigliere regionale di Impegno Civico Luigi Cirillo – ha comportato non pochi disagi, con pazienti dirottati per la gran parte all’ospedale di Castellammare di Stabia, che gia’ fa i conti con un numero incredibile di accessi quotidiani. Per queste ragioni ho inviato una richiesta di audizione al Presidente della 5a commissione Sanita’ per trattare il tema”.



    LIVE NEWS

    Calciomercato: Inter, stallo su rinnovo Lautaro. Il Napoli su Lukaku con Osimhen al Chelsea

    Mentre il risiko delle panchine delle grandi squadre italiane...
    DALLA HOME

    Scommesse, la Figc indaga su espulsione anomala di Bellomo del Bari contro la Ternana

    Il mondo del calcio italiano è di nuovo travolto da sospetti di scommesse illegali, alimentati da una serie di episodi che la giustizia sportiva sta esaminando attentamente. Recentemente, quattro giocatori sono stati deferiti per aver scommesso su partite in Italia e all'estero, ma l'attenzione della Procura si è ora...

    ULTIME NOTIZIE

    TI POTREBBE INTERESSARE